Zangrillo con i dati zittisce i terroristi del virus: “Su 1.151 accessi al pronto soccorso solo 7 per Covid, lo 0,6%”



Basta con il terrorismo quotidiano sul Coronavirus. Dal suo osservatorio privilegiato del San Raffaele a Milano, Alberto Zangrillo prosegue una battaglia che va avanti, con varie accezioni e sfumature, da un anno e mezzo. Finito nel tritacarne per aver definito il virus “clinicamente morto” nell’estate del 2020 e poi smentito dalla recrudescenza della seconda ondata, il capo rianimatore dell’ospedale milanese da settimane, forte dei dati dei bollettini ma soprattutto dell’esperienza sul “fronte”, è tornato a lanciare messaggi fortissimi di “normalizzazione”.

A un anno e mezzo abbondante dall’inizio della pandemia che ha travolto anche l’Italia, spiega il medico, non ha più senso bombardare i cittadini con i numeri di una emergenza che, nei fatti, sta scemando. La prova? Arriva via Twitter, ovviamente.

1 accesso #COVID19 al giorno in Pronto Soccorso ma ‘The show must go on'”, scrive polemicamente Zangrillo condividendo un grafico che riassume la situazione al San Raffaele: nella settimana tra il 18 e il 25 settembre, sono stati 1.151 gli accessi al pronto soccorso del San Raffaele, 7 per Covid (lo 0,6%), tutti in codice verde e soprattutto sei di loro non vaccinati.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano