Vogliono multare di 5,5 milioni di euro l’app russa ‘Telegram’ perché non vuole “spiare” gli utenti. Il prezzo della libertà



Di – Le autorità tedesche hanno avviato un procedimento contro Telegram che potrebbe vedere il gestore dell’app di messaggistica multato per non aver rispettato le leggi che impongono ai siti di social media di controllare le azioni dei propri utenti e di vietare le chat che non corrispondano agli standard tedeschi. La multa potenzialmente sarebbe pari a 5,5 milioni di euro.

La rivista tedesca Der Spiegel ha riferito  che i funzionari di Berlino ritengono che l’uso dell’app Telegram abbia raggiunto una soglia per  cui può essere trattato allo stesso modo di Facebook, Twitter e TikTok, per cui può essere obbligato a “Tutelare” la libertà di parola nei limiti della legslazione tedesca, quindi escludendo una serie di temi off limits in Germania.

Un portavoce del ministero della Giustizia ha confermato lunedì che le autorità hanno scritto agli operatori di Telegram negli Emirati Arabi Uniti per l’incapacità di fornire un canale per presentare reclami a chi si trovi in Germania e si senta offeso dai suoi contenuti, o ritenga che questi superino le leggi tedesche. “La società ora ha l’opportunità di rispondere”, ha detto ai giornalisti a Berlino la portavoce, Rabea Boennighausen.

Telegram, fondata dai fratelli russi Nikolai e Pavel Durov, è cresciuta in popolarità in Germania negli ultimi anni, anche tra i gruppi di destra e coloro che si oppongono alla risposta del governo alla pandemia di coronavirus. Diciamo che è cresciuto troppo, per cui risulta t roppo libero… Il parlamento tedesco ha approvato il Network Enforcement Act nel 2017 con l’obiettivo dichiarato di garantire che gli attuali limiti di parola del paese, incluso il divieto di lunga data sulla negazione dell’Olocausto, possano essere applicati online. Gli oppositori hanno sostenuto che la legge rischia di soffocare la libertà di parola e di espressione. Comunque la libertà, almeno in Germania, ha un costo: 5,5 milioni di euro.

Leggi la notizia su Scenari Economici