Violenza choc a Salò: 2 stranieri massacrano a pugni un anziano all’uscita del supermercato (Video)



Di Cristina Gauri – Brescia, 16 mar – Poteva finire in tragedia la violenta aggressione tra due immigrati e un anziano avvenuta all’ingresso di un supermercato Italmark di Salò, nel Bresciano. La rissa, ripresa da una testimone con un cellulare, è avvenuta di fronte agli occhi esterrefatti dei clienti dell’esercizio che hanno assistito senza intervenire. Sui social è poi scattato il processo virtuale ai presenti, accusati di pavidità per non essere intervenuti in difesa dell’uomo più anziano.

Due immigrati pestano un uomo di 65 anni

>La vittima è un uomo di 65 anni di origine algerina e già noto alle forze dell’ordine. I due aggressori sono due giovani immigrati, di cui uno di origine dominicana e con precedenti.  Ignote le motivazioni alla base della furibonda rissa. L’anziano è stato prima immobilizzato e poi spinto contro le biciclette in sosta. Ma l’algerino, nonostante l’età e lo svantaggio fisico, ha reagito contro i due, che sono passati alle mani. Così, mentre i presenti osservavano senza intervenire, uno dei giovani infieriva sul 65enne, tenendolo bloccato per terra, tempestandolo di pugni e cercando di soffocarlo. Fino all’arrivo delle forze dell’ordine, allertate da una cassiera del supermercato.

Intervengono gli agenti 

>L’intervento degli agenti di polizia ha riportato la calma. I poliziotti hanno diviso – non senza fatica – i contendenti e fermato uno dei due immigrati, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di sostanze alcoliche. L’altro aggressore, anch’egli con precedenti penali, è stato intercettato poco lontano dall’ingresso del supermercato.

>L’europarlamentare leghista Stefania Zambelli ha denunciato la violenta rissa fra immigrati sui social. “In tanti – ha evidenziato – mi state girando questo video, quello che è accaduto oggi fuori l’Italmark di Salò non solo è grave per l’episodio in sé, ma anche perché sembra non sia la prima volta che accade. Sarà mia premura andare a fondo a questa situazione affinché non succedano più fatti vergognosi e inaccettabili come questo”.

Cristina Gauri

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale