Varazze, cameriere straniero insulta la cliente: “Voi donne non siete nulla, nemmeno l’ultima ruota del carro”



da La Stampa – Un caffè servito prima ai due commensali uomini e infine alla donna ha rovinato un giorno di vacanza a Varazze a una turista di Biella. La donna ha raccontato sui social la sua disavventura perché dopo aver fatto ironicamente notare al cameriere che le donne dovrebbero essere servite per prime, si è sentita rispondere che per lui le «donne sono nulla, nemmeno l’ultima ruota del carro». La vicenda sui social ha scatenato reazioni e poi è arrivata la presa di posizione del consigliere regionale ligure della Lega Stefano Mai.

«Una brutta cartolina di Varazze, quella descritta dalla turista biellese. La donna ha raccontato di essere stata aggredita verbalmente da un cameriere con pesanti insulti misogini. Se pensiamo che Varazze è conosciuta come “Città delle donne”, – spiega Mai – . Il gesto del cameriere non può essere giustificato in alcun modo, neppure con l’appartenenza a una cultura diversa dalla nostra, sembra fosse straniero. Si tratta di una mancanza di educazione e rispetto per le donne che non può essere tollerato.

Adesso ci aspettiamo scuse ufficiali per la signora e magari un soggiorno gratuito a Varazze». La turista piemontese ricorda così la giornata trascorsa nel centro rivierasco: «Finalmente un giorno al mare, il mio primo bagno, il primo sole – racconta -. Mi trovo a Varazze in pieno centro, sul lungomare, e dopo aver trascorso circa due ore sulla spiaggia, pranziamo io, il mio compagno e un suo amico in un ristorante della città. Consumiamo un ottimo pranzo, il tutto servito da un cameriere straniero.

Al caffè il cameriere che, sino a quel momento non aveva proferito parola, serve prima il mio compagno, poi il nostro amico e infine me. Io gli chiedo con ironia: “ma non dovrebbe esser servita prima la donna?”. L’uomo parla per la prima volta ed inizia ad infierire contro le donne “nulla” e continua affermando che la donna “non arriva ad essere neanche l’ultima ruota del carro».

Leggi la notizia su La Stampa