Uno degli assassini di Willy? Sui social sosteneva Renzi, Di Maio, Conte e Raggi. Ma i Tg non ve lo dicono


di Gigliola Bardi – Matteo Renzi e Giuseppe Conte e Papa Francesco, l’Unicef e alcune associazioni Lgbtq. E poi grande entusiasmo per il M5S, “preferito” non solo per i suoi esponenti di spicco, come Luigi Di Maio e Virginia Raggi, ma proprio come partito. C’è davvero un po’ tutto tra le preferenze Facebook di uno dei quattro di Artena, quel Francesco Belleggia attualmente indicato dagli inquirenti come autore del calcio che avrebbe ucciso Willy Moteiro Duarte. E, al netto di un like a Matteo Salvini, pare che molto appartenga all’area e all’immaginario incarnati dal governo giallo-rosso. Come la mettiamo?

Il profilo della “banda” di Artena

A prendere per buoni i filtri usati fin qui da alcuni “eminenti” osservatori, non ci dovrebbero essere grossi problemi a tracciare il profilo di Belleggia, soprattutto se si considera che per accreditare la tesi “fascista” e “razzista” Repubblica è andata a ripescare due post di ben 9 anni fa in cui i fratelli Gabriele e Alessandro Bianchi se la prendevano molto malamente contro un non meglio individuato egiziano. Ora è evidente che, riguardando per esempio Virginia Raggi, Luigi Di Maio e Giuseppe Conte, i like messi da Belleggia devono essere ben più recenti. Dunque?

CasaPound: “Attenti al Bignami di sociologia”

Dunque, una soluzione la offre si Twitter il leader di CasaPound, Simone Di Stefano. “Quello che avrebbe sferrato il calcio mortale al povero Willy, su Facebook ha messo il like a Luigi Di Maio, Virginia Raggi, Matteo Renzi, Movimento 5 Stelle e associazioni Lgbtq. Inoltre segue Conte e l’Unicef. Adesso – suggerisce – prendete il Bignami di sociologia e infilatevelo. #Colleferro”.

Leggi la notizia su Il Secolo D’Italia

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter