“Tutti gli sbirri a testa in giù”: chi sono i potenziali terroristi di sinistra dietro il comizio choc a Trieste (Video)

  – Li hanno chiamati “mercenari”. Sostengono che una parte di Trieste abbia “brindato” alla loro morte. Non hanno portato fiori sulla scalinata della questura per onorare Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due poliziotti uccisi dal dominicano Alejandro Augusto Stephan Maran. Gli autori della manifestazione sotto il carcere triestino, dopo la pubblicazione sul Giornale.it del video del loro comizio, sono stati identificati dalla polizia e un’informativa è stata spedita dalla Digos alla Procura della Repubblica.


Emergono così nuovi dettagli su quanto successo sotto il carcere dove è rinchiuso il killer dei due agenti di Trieste. Secondo quanto ricostruito dalla Questura, il comizio risale a sabato 16 novembre ad opera dell’Assemblea contro il carcere e la repressione. L’iniziativa, a dire il vero, era passata sotto traccia finché non è emerso il video del proclama letto da una delle ragazze presenti in via Coroneo. “Qualcuno dice che di fronte a fatti del genere si sta zitti – si sente dire – (perché) delle vite umane sono state uccise. Che solo la voce di Stato si deve sentire.

Ma questo a noi non ci sta bene. Non ci sta bene perché noi le lacrime per i due poliziotti uccisi non le versiamo”. Il documento, riporta la questura, sarebbe “assertivamente ascrivibile ad un anarco-insurrezionalista attualmente ristretto nel carcere di Ferrara”. Un profluvio di frasi contro i due poliziotti, colpevoli di aver “deciso di impugnare le armi servendo lo Stato”, consci di aver fatto “una scelta consapevole” e che quindi “sono caduti facendo quello che facevano: cioè un servizio che danneggia la libertà”. “Nei bar della città – affermano – i brindisi ci sono stati per la morte dei due poliziotti, una parte della città non piange, perché sa cosa ogni giorno gli uomini in divisa fanno a chi si ribella”.

L’informativa della Digos, insieme alla documentazione video e fotografica di quanto successo, è ora sul tavolo del procuratore. Difficile dire se partiranno denunce. Intanto cresce “l’indignazione” delle forze di polizia per le “gravi dichiarazioni” pronunciate da chi, peraltro, ha pure scandito slogan di questo tenore: “Morti in galera non ne vogliamo più, sbirri e giudici a testa in giù”. “Siamo sbigottiti e increduli – dice Andrea Cecchini, sindacalista di Italia Celere – ma siamo abituati a queste ‘opinioni’. Pensare che il nostro servizio danneggi la libertà è ridicolo”. Per Edoardo Alessio, segretario provinciale FSP di Trieste, quelle della leader ribelle sono parole “farneticanti” che per fortuna “sono frutto di uno sparuto e insignificante numero di ragazzetti privi di coscienza”. Il ricordo di Rotta e Demenego, però, “non sarà oscurato” perché “i due eroi caduti nell’adempimento del dovere saranno sempre nei cuori nostri e dei colleghi di ogni arma e corpo di Polizia cittadino”.

Leggi la notizia Su Il Giornale

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter