Tunisia, il Partito Nazionalista vuole cacciare i clandestini subsahariani: “Via gli invasori, difendiamo la sovranità”


(ANSAmed) – TUNISI, 16 GEN – Con l’aumentare del numero dei rifugiati irregolari provenienti da diversi Paesi africani, rimasti bloccati per vari motivi in Tunisia, nel Paese le parti più conservatrici della società chiedono di “fare scudo” contro questi nuovi arrivati, interpretati come sgraditi ospiti o peggio ancora “invasori”.

E’ con il pretesto di difendere “la sovranità tunisina”, per esempio, che il poco conosciuto Partito nazionalista sta conducendo negli ultimi mesi in Tunisia una campagna dai toni duri chiedendo, attraverso una petizione, l’allontanamento dei migranti subsahariani irregolari dalla Tunisia.

La formazione politica, con circa 30 mila sostenitori sui social network, opera regolarmente in Tunisia in nome di un’autorizzazione avuta dal ministero dell’Interno nel 2018 e ha lanciato una campagna intitolata “lotta contro la colonizzazione della Tunisia da parte dei migranti irregolari subsahariani”.

Alcuni suoi membri girano per i quartieri di Tunisi per sensibilizzare la popolazione affinché si opponga alla loro presenza in Tunisia, diffondendo una sorta teoria del complotto per il quale la presenza di detti subsahariani sarebbe il frutto di un piano ordito dai paesi europei in collusione con le élite tunisine francofone, sostenute dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim), per “colonizzare” la Tunisia.

Secondo il partito nazionalista tunisino, la maggior parte dei subsahariani che arriva sul suolo tunisino, proviene da paesi francofoni e viene utilizzata dalle forze “nemiche” della Tunisia in una sorta di scontro di civiltà. La Tunisia fu tra i primi al mondo ad abolire la schiavitù e nel 2018, primo della regione, si è dotato di una legge criminalizza la discriminazione razziale.

Tra le richieste della petizione del partito nazionalista tunisino infatti vi è anche l’abrogazione della legge 50/2018, sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, oltre all’imposizione di visti per chi arriva in Tunisia dai paesi subsahariani.

Leggi la notizia su Ansa