Trovato l’accordo, via il veto: ok a Svezia e Finlandia nella Nato. Ora Erdogan potrà sterminare il popolo curdo


Da Il Fatto Quotidiano – La svolta è arrivata dopo un vertice durato più di quattro ore tra il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, e gli omologhi dei due Paesi nordici a margine del summit dell’Alleanza atlantica a Madrid.

Il governo turco si era opposto fin da subito all’ipotesi dell’adesione chiedendo a Helsinki e Stoccolma di consegnare i combattenti curdi ospitati sui loro territori, che Ankara considera affiliati al Pkk (il partito dei lavoratori del Kurdistan) e quindi alla stregua di terroristi. E ora festeggia affermando di aver avuto “quello che chiedeva”, sottolineando di aver ottenuto la “piena cooperazione” dai due governi

La Turchia ha ritirato il veto all’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato: i tre Paesi hanno firmato un memorandum di intesa. La svolta è arrivata dopo un vertice durato più di quattro ore tra il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, e gli omologhi dei due Paesi nordici, Sauli Niinisto e Magdalena Andersson, a margine del summit dell’Alleanza atlantica a Madrid.

All’incontro era presente come mediatore il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. Il governo turco si era opposto fin da subito all’ipotesi dell’adesione chiedendo a Helsinki e Stoccolma di consegnare i combattenti curdi ospitati sui loro territori, che Ankara considera affiliati al Pkk (il partito dei lavoratori del Kurdistan) e quindi alla stregua di terroristi. E ora festeggia affermando di aver avuto “quello che chiedeva“, sottolineando di aver ottenuto la “piena cooperazione” dai due governi contro il Pkk e i suoi alleati.

Stoltenberg: “Saremo tutti più sicuri” – “Abbiamo l’accordo per l’ingresso di Svezia e Finlandia. Il memorandum firmato risponde alle preoccupazioni della Turchia sulla lotta al terrorismo e l’esportazione di armi. Nessun alleato ha sofferto più della Turchia per i brutali attacchi terroristici, tra cui quelli del Pkk”, dichiara Stoltenberg in conferenza stampa, annunciando che mercoledì arriverà l’invito formale e unanime ai due Paesi a unirsi all’alleanza, passaggio che aprirà la via al percorso di ratifica da parte di tutti i trenta Stati membri.

E aggiunge: “La politica delle porte aperte della Nato è un successo, abbiamo mostrato di saper risolvere i problemi attraverso le negoziazioni, con l’ingresso di Svezia e Finlandia nell’alleanza saremo tutti più sicuri“. I tre Paesi, riferisce Stoltenberg, “hanno concordato di rafforzare la collaborazione sull’anti-terrorismo”: Helsinki e Stoccolma “prenderanno misure sulla legislazione nazionale” ed esamineranno le richieste di estradizione “secondo la Convenzione europea sull’estradizione“.

“Accolgo con favore la firma del memorandum trilaterale tra Finlandia, Svezia e Turchia che apre la strada all’adesione alla Nato per la Finlandia e la Svezia. Una Nato unita manterrà i nostri cittadini al sicuro e faciliterà una maggiore cooperazione con l’Ue”, scrive in un tweet il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.

Continua a leggere su Il Fatto Quotidiano