Torino, il consigliere che imbarazza il M5S: “Usano i bambini come cavie, terapie Covid dannose”, la telefonata choc


Da Il Tempo – Monica Amore, consigliera comunale del Movimento 5 Stelle di Torino, finisce di nuovo al centro dei fatti di cronaca per le sue frasi choc sul Covid. Negli scorsi mesi la grillina ha scritto delle frasi antisemite sui propri profili social, portando la Procura ad aprire un’indagine. Ora a denunciare i contatti “molesti ed inopportuni” da parte della Amore è una famiglia di una sessantenne piemontese, che è ricoverata in ospedale dopo aver contratto il Covid.

La notizia, confermata dall’avvocato della famiglia, Gianluca Visca, arriva dopo che la donna è stata portato all’Amedeo di Savoia per l’aggravarsi delle condizioni dopo aver contratto il virus. “Portatela via dall’ospedale perché i pazienti vengono usati come cavie” le parole della consigliera M5S al figlio della donna in questione, che ha conosciuto la Amore durante una vacanza in Liguria.

Il figlio della sessantenne è un medico e più volte ha ricevuto chiamate dalla politica grillina – riferisce Cronaca Qui – con discorsi che lo invitavano a salvare la madre e teorie riguardanti le “terapie contro il Covid sono dannose”, oltre al fatto che dietro ai ricoveri “c’erano interessi economici”. Esasperato dai continui contatti telefonico il medico ha deciso di rivolgersi ad un legale, in modo che “le molestie cessino”.

“Io per il momento non ho ricevuto nessuna diffida. Lei è una mia cara amica, come fosse una seconda madre, con cui mi sento tutti i giorni, anche dall’ospedale attraverso messaggi. Quando ho appreso la notizia sono rimasta sorpresa anche con il figlio ci siamo sentiti e non ho mai avuto problemi. Anzi. Ho un buon rapporto” le parole della Amore che si è messa subito sulla difensiva.

Leggi la notizia su Il Tempo