Terrore a Borgo Mezzanone: gambiano armato di coltello minaccia i passanti e ferisce un carabiniere


Di  – Terrore a Borgo Mezzanone, frazione del comune di Manfredonia (Foggia), dove nella giornata di ieri un gambiano di 19 anni si è messo a minacciare gli ignari passanti che gli capitavano a tiro brandendo 2 coltelli da cucina.Secondo quanto riportato da “Foggia Today” sono stati i residenti della zona, comprensibilmente impauriti, a chiamare i carabinieri: i militari sono intervenuti tempestivamente sul luogo della segnalazione, identificando il soggetto mentre si trovava seduto su di una grossa pietra e con uno zainetto sulle spalle.

Alla richiesta di rilasciare le proprie generalità il 19enne è andato su tutte le furie, iniziando ad inveire contro le forze dell’ordine dapprima in italiano poi in lingua straniera e tirando fuori dallo zaino uno dei due coltelli che teneva con sé. Con molta fatica i carabinieri sono riusciti ad avere la meglio sull’esagitato straniero, immobilizzandolo e rendendolo finalmente inoffensivo dopo diversi minuti di colluttazione. Durante le fasi dello scontro un militare è rimasto lievemente ferito, riportando lesioni guaribili in 3 giorni.

Il gambiano è stato così condotto in caserma, dove si è finalmente convinto a fornire le proprie generalità: l’uomo è risultato così essere senza fissa dimora ed irregolare sul suolo italiano. Inoltre pare che il giovane non fosse nuovo ad episodi di questo tipo: appena pochi giorni fa infatti si era reso protagonista di un episodio molto simile, ma i carabinieri non erano riusciti ad arrivare in tempo per fermarlo. Espletate le formalità di rito, il clandestino è stato condotto presso il carcere di Foggia con le accuse di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, rifiuto di fornire le propire generalità e porto in luogo pubblico di 2 coltelli da cucina senza giustificato motivo. Nei prossimi giorni dinanzi al Gip del capoluogo pugliese si terrà l’udienza di convalida del fermo.

Il comando provinciale dei carabinieri di Foggia ha rimarcato l’importanza delle segnalazioni alle forze dell’ordine: “Ancora una volta l’invito rivolto alla cittadinanza è quello di collaborare sempre, segnalando in particolare ogni situazione anomala o pericolosa al 112, al fine di poter così dare sempre più sicurezza alla collettività, responsabilizzata a sua volta nell’ambito del cosiddetto approccio civico di sicurezza partecipata”.

Leggi la notizia su Il Giornale 

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter