Svolta in Norvegia: da ora in poi il Covid-19 sarà considerato come una semplice influenza


Di – Il coronavirus può ora essere classificato come una delle numerose malattie respiratorie con variazioni stagionali, ha affermato Geir Bukholm, vicedirettore dell’Istituto norvegese di sanità pubblica (NIPH).

Nell’ultimo anno e mezzo, il Covid-19 è stato classificato come una malattia generalmente pericolosa. Tuttavia, questo potrebbe cambiare presto poiché il vicedirettore dell’Istituto norvegese di sanità pubblica (NIPH), Geir Bukholm, ha affermato che il coronavirus può ora essere inserito nella stessa categoria di malattie come influenza, raffreddore e RS (virus respiratorio sinciziale, altro virus che causa polmoniti stagionali).

“Ora siamo in una nuova fase in cui dobbiamo considerare il coronavirus come una delle numerose malattie respiratorie con variazioni stagionali”, ha detto Bukholm al giornale VG. La scorsa settimana il Ministero della Salute e dell’Assistenza Sociale ha chiesto al NIPH di valutare se il Covid-19 fosse ancora una malattia pericolosa.

Mentre il NIPH deve ancora restituire i suoi risultati, il suo vicedirettore ha chiarito che il pericolo di Covid sarà declassato. Il Covid potrebbe ora essere paragonato in gravità a raffreddori e influenza perché la stragrande maggioranza di quelli a maggior rischio di sviluppare malattie gravi quando infetti sono ora completamente vaccinati.

“Questo perché la stragrande maggioranza delle persone a rischio è protetta”, ha spiegato Bukholm. “E sebbene l’infezione sia ancora in circolazione, i numeri degli ospedali rimangono bassi. Pertanto, il coronavirus non comporterà un pesante onere per il servizio sanitario. Per i vaccinati che possono infettarsi e sviluppare sintomi, la stragrande maggioranza avrà lievi sintomi simili al raffreddore”.

Tuttavia, Bukholm ha avvertito che anche se il Covid poteva ora essere paragonato ad altre comuni malattie respiratorie, la pandemia era tutt’altro che finita. “La pandemia non è finita finché esiste nel mondo e nei Paesi dove la copertura vaccinale è ancora bassa. Finché le malattie si diffondono in tutto il mondo, c’è ancora una pandemia”, ha ammonito Bukholm.

VG ha ipotizzato che la malattia in fase di declassamento potrebbe essere un segno che la revoca delle ultime restrizioni nazionali contro il Covid-19 potrebbe essere proprio dietro l’angolo. Il NFHI ha anche consigliato di togliere tutte le restrizioni per i viaggiatori che si vogliono recare nel paese, ulteriore sintomo del ritorno alla normalità.

Leggi la notizia su Scenari Economici