Svezia, i medici contro la vaccinazione di massa: “Non vaccinate i giovani e sani, ecco cosa si rischia”


Da SputnikNews – Supponendo che gran parte della popolazione abbia già una qualche forma d’immunità e citando effetti collaterali pericolosi e fatali come la coagulazione del sangue, i medici esortano a non ripetere gli errori della vaccinazione antinfluenzale suina che ha portato a numerosi casi di narcolessia.Un gruppo di 28 esperti medici svedesi ha, in un testo d’opinione, esortato a vaccinare solo i gruppi a rischio contro Covid-19, ma non i giovani e i sani.

Nella loro lettera aperta sul quotidiano Göteborgs-Posten, i 28 medici e ricercatori, tra cui lo psichiatra e il dibattitore Sven Román e Nils Littorin dell’Università di Lund, che guidano anche il partito locale Malmö List, hanno sostenuto che gran parte della popolazione mondiale ha ora avuto il Covid-19 e che ancora di più ha sviluppato una qualche forma di immunità.

“Pertanto, dovremmo vaccinare solo coloro che hanno 65 anni e più o sono a rischio. Altrimenti rischiamo di ripetere gli errori fatali della vaccinazione antinfluenzale suina”, hanno scritto gli esperti.

Nel marzo 2009, il mondo ha visto un’epidemia di un nuovo virus influenzale (denominato A/H1N1), probabilmente derivante da suini, noto soprattutto per aver infettato anche i giovani. I campanelli d’allarme sono risuonati a livello globale, poiché il virus assomigliava per molti versi all’epidemia di influenza spagnola del 1917. Un vaccino è stato presto sviluppato contro l’influenza suina e somministrato in 60 o 90 milioni di dosi a livello globale. In Europa, e in particolare nei paesi nordici, dopo queste vaccinazioni sono comparsi numerosi casi di narcolessia. Il fattore confondente è che il virus dell’influenza suina stessa causa narcolessia, il che rende difficile discernere la causa effettiva di questo effetto postumo. Tuttavia, i pazienti che hanno sviluppato la narcolessia sono stati risarciti dallo stato.

Gli esperti svedesi hanno citato il rischio di sviluppare coaguli sanguigni fatali e emorragie, riscontrati come effetti collaterali di diversi vaccini, tra cui AstraZeneca, e hanno esortato a non ripetere l'”errore della narcolessia” e a non inoculare i giovani e i sani, così come quelli che hanno già avuto il Covid e godono di una qualche forma di immunità.

La proposta è in contrasto con la strategia generale di vaccinazione attuata dall’Agenzia svedese per la sanità pubblica, dall’epidemiologo statale Anders Tegnell e dal coordinatore governativo per i vaccini Richard Bergström. Secondo la versione ufficiale, la Svezia lascerà la fase pandemica ed entrerà nella fase endemica quando oltre il 60% della popolazione sarà stata vaccinata. Finora la Svezia è riuscita a inoculare completamente circa il 9,5% dei gruppi destinatari.

Il dottor Sven Román si è detto particolarmente scettico nei confronti degli apparenti legami delle autorità con l’industria farmaceutica, in quanto il già citato Richard Bergström è stato precedentemente amministratore delegato dell’Associazione dell’industria farmaceutica.

“Mi manca la fiducia in quest’uomo. Non mi sono mai fidato di lui, viene direttamente dall’industria farmaceutica. Gli svedesi devono rendersi conto che queste persone hanno degli interessi e non sono imparziali”, ha twittato Román a proposito delle lodi di Bergström alle regioni svedesi per aver permesso che gruppi di popolazione più giovani vengano inoculati con il controverso vaccino AstraZeneca.

 

“Esperti che sono degli idioti piuttosto utili per l’industria farmaceutica. So di cosa sto parlando, perché ne ero uno pure io fino a una decina di anni fa”, ha twittato Sven Román, citando un articolo sulle ipotesi degli esperti sulla vaccinazione di massa.

La Svezia ha costantemente evitato i principali lockdown durante la pandemia e ha introdotto solo una frazione delle restrizioni viste altrove in Europa, e si sta dirigendo verso un milione di casi di Covid-19, con oltre 14.000 morti.

Leggi la notizia su SputnikNews