Stazione Termini, bengalese armato di cocci di bottiglia si scaglia contro gli agenti e terrorizza i passanti


Di Mia Fenice – Ancora paura a Roma alla stazione Termini. Rapine violente e aggressioni sempre più frequenti. Un uomo ha lanciato bottiglie e minacciato i passanti con un pezzo di vetro rotto. I poliziotti che stavano transitando in via Giolitti sono stati avvicinati da un passante che li ha informati della presenza di un uomo armato di un coccio di bottiglia. L’uomo stava minacciando i passanti in piazza dei Cinquecento.

Paura alla stazione Termini

Sul posto, i poliziotti hanno trovato un 30enne immigrato del Bangladesh ubriaco. L’uomo ha provato a lanciargli una bottiglia contro. Poi minacciandoli si è scagliato contro i poliziotti e li ha colpiti con calci e pugni. All’interno dell’auto di servizio poi il fermato si è scatenato e ha iniziato a colpire con la testa il divisorio in plexiglass. Accompagnato negli uffici di polizia il 30enne è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale nonché per danneggiamento dei beni dello Stato. Uno degli agenti è stato refertato con cinque giorni di prognosi per le contusioni subite.

Continua a leggere su Il Secolo d’Italia


Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter