Sri Lanka, proposta di legge in Parlamento: “Vietare burqa e niqab, sono utilizzati dai terroristi per fare attentati”


VIDEO – Dopo l’attentato islamico in Sri Lanka contro i cristiani, nel Parlamento a Sri Jayawardenapura Kotte, Si discuterà di un disegno di legge per proibire il burqa, molto spesso utilizzati dai terroristi islamici per compiere attentati terroristici. Il professor Ashu Marasinghe, membro del Partito nazionale unito, ha dichiarato su Facebook che avrebbe presentato una proposta di legge sulla questione.

Pubblicando una copia del disegno di legge, Marasinghe ha affermato che il burqa non è un abito tradizionale musulmano. Inoltre ha dichiarato che i terroristi, sia di sesso maschile che femminile,  hanno usato il burqa in passato mentre commettevano atrocità. Marasinghe ha anche chiesto che sia messo fuori legge anche il niqab.

La domenica di Pasqua, 321 persone sono state uccise – tra cui almeno 45 bambini – quando sette attentatori suicidi hanno attaccato tre hotel di lusso e tre chiese. La richiesta di vietare gli indumenti che coprono il volto è arrivata quando il primo ministro dello Sri Lanka ha avvertito che ci sono molti esplosivi e militanti “là fuori”.

Leggi la notizia su adaderana.lk