Spaventoso record di morti improvvise tra i giovani atleti in un solo mese: la scienza non spiega il perché


Da Scenari Economici – L’ex stella degli Alabama Broncos, il running back Ahmaad Galloway, è morto improvvisamente questa settimana all’età di 42 anni. Galloway era un insegnante di inglese di terza media alla Compton-Drew Middle School di St. Louis, Missouri. Quando Galloway non si è presentato al lavoro, la scuola ha contattato le autorità. La polizia ha effettuato un controllo e ha trovato l’ex stella del football morto nel suo appartamento. La causa della morte non è ancora stata resa nota.

La preside della scuola media Compton-Drew, Susan Reid, ha dichiarato di aver capito che qualcosa non andava.

“Ahmaad era sempre puntuale, molto responsabile, quindi sapevamo che qualcosa non andava”, ha detto Reid a WVTM 13. “Non c’era nulla che potesse disturbare la scuola. “Nell’appartamento di Ahmaad non c’è stato nulla di strano, quindi pensiamo che possa essersi trattato di un problema medico”.
La sua scomparsa è solo una delle tante morti improvvise che si sono verificate nell’ultimo anno tra gli atleti e gli ex atleti in particolare, e che si sono verificate in età relativamente giovane. Nella maggior parte dei decessi, il colpevole è l’insufficienza cardiaca o circolatoria.

Jordan Brister, 18 anni, è morto domenica 8 gennaio dopo aver subito un arresto cardiaco il 3 gennaio durante la giornata scolastica alla Amplus Academy di Las Vegas, secondo una dichiarazione della scuola condivisa dall’affiliata NBC KSNV. La famiglia ha raccontato che il ragazzo è stato trovato senza reagire nel bagno della scuola dopo aver frequentato la lezione di ginnastica.Secondo quanto riportato dalla contea di Campbell, il 17enne Max Sorenson è morto per un “evento medico” nella sua casa lunedì 26 dicembre. Il coroner della contea di Campbell, Paul Wallem, ha dichiarato che in seguito all’incidente medico avvenuto a casa sua, il giocatore di basket del liceo è stato trasportato d’urgenza al Campbell County Memorial Hospital di Gillette, nel Wyoming. Nonostante gli sforzi dei soccorritori è morto.

Victoria “The Prodigy” Lee, lottatrice di arti marziali miste (MMA), è morta tragicamente la scorsa settimana a soli 18 anni, a causa di una malattia che non è ancora stata rivelata al pubblico.

Una ragazza di 16 anni di Las Vegas è morta dopo “un episodio medico durante un evento sportivo, secondo un messaggio inviato alle famiglie”, ha riferito KSNV, l’affiliata della NBC di Las Vegas. La studentessa è stata identificata come Ashari Hughes, 16 anni. Secondo il Las Vegas Review-Journal, l’emergenza medica si è verificata il 5 gennaio durante una partita di flag football. Il giornale ha riferito che Hughes è collassata durante la partita della sua squadra in casa contro la Valley High School. Trasportata in ospedale, è morta più tardi nella notte.

I decessi in eccesso sono aumentati drasticamente negli Stati Uniti (i decessi in eccesso sono quelli che superano la media annuale). La maggior parte dei decessi in eccesso negli ultimi due anni che hanno coinvolto persone di età inferiore ai 65 anni non sono stati causati da infezioni da Covid. Almeno 32.000 decessi in eccesso nel 2021 sono stati direttamente attribuiti all’insufficienza cardiaca e ai malfunzionamenti circolatori. I decessi per cause circolatorie hanno contribuito in modo determinante ai decessi aggiuntivi tra i 18 e i 44 anni.

Il Regno Unito ha pubblicato informazioni che indicano un picco simile di decessi in eccesso l’anno scorso – il più alto degli ultimi 50 anni. I funzionari britannici negano ovviamente qualsiasi collegamento con gli effetti collaterali del vaccino (una preoccupazione spesso citata dal pubblico) e sostengono invece che l’insufficienza cardiaca potrebbe essere un effetto collaterale dell’infezione da covidone. Tuttavia, numerosi rapporti e studi dimostrano che il virus covid non provoca danni significativi al cuore e non contribuisce all’insufficienza cardiaca, nonostante le voci diffuse dai media tradizionali.

Per esempio, nel marzo 2021, un gruppo di cardiologi sportivi ha riferito di quasi 800 atleti professionisti che erano risultati positivi al Covid-19. Meno dell’1% di questi atleti presentava risultati anomali alla risonanza magnetica cardiaca o all’ecocardiografia da sforzo. Nessuno di questi atleti ha avuto problemi cardiovascolari quando è tornato a giocare.

Ciò significa che c’è qualche altra causa oltre al covid che, guarda caso, è iniziato nel 2021. Gli studi dimostrano un legame diretto tra la vaccinazione con Covid e la miocardite. Questo aiuterebbe a spiegare l’aumento dei decessi in eccesso non legati al covid dal 2021, ma poiché la maggior parte degli studi sugli effetti collaterali della vaccinazione non utilizza persone non vaccinate come gruppo di controllo, non ci sono dati concreti sugli eventi negativi dei vaccinati rispetto a quelli dei non vaccinati.

Ci saranno sicuramente dei decessi tra i più giovani per una miriade di ragioni naturali, e la causa della morte di Ahmaad Galloway e di altri potrebbe essere qualsiasi, dato che molti referti medici non sono stati resi noti. Detto questo, è importante notare la tendenza continua e molto sospetta di danni al cuore in persone ben al di sotto dell’età comune e seguirla con attenzione.

Leggi la notizia su Scenari Economici