Sondaggio Ipsos, il governo “abusivo” giallorosso non piace agli italiani: il 52% boccia il Conte-bis


 – Il governo giallorosso capitanato da Giuseppe Conte parte in salita e deve fare inevitabilmente i conti con un’opinione pubblica certamente non favorevole. Da una rivelazione Ipsos per il Corriere della Sera risulta che l’appoggio a questo esecutivo è fornito solamente dal 36%; si schiera contro il 52%. L’indice di gradimento è nettamente inferiore a quello per l’asse gialloverde: da 60 si è passati a 41. Ovviamente la maggior parte del gradimento per l’esperienza targata M5S-Pd proviene dagli elettori delle due parti in campo: rispettivamente 71% e 74%. Da non trascurare però anche i giudizi negativi dei medesimi: 28% e 25%.

Scetticismo

L’ipotesi che prende più strada è quella di ritrovarsi di fronte a un governo di breve respiro. Lo scetticismo è confermato dal fatto che solamente il 18% ritiene che il Conte bis durerà fino al 2023, termine della legislatura. Il 45% immagina che morirà dopo un anno al massimo; il 20% scommette su una vita di due anni.

Se da una parte regna l’incertezza, dall’altra vi è una ferma e chiara convinzione: la posizione sull’immigrazione non va cambiata. Un misero 11% spera che vengano intraprese delle modifiche ai decreti Sicurezza, auspicando maniere soft sul tema in questione. Da sottolineare che tali interventi sono ritenuti urgenti solo dal 24% dei dem.

L’auspicio del 71% riguarda vantaggi da apportare ai ceti più deboli mediante la manovra economica; il 45% si aspetta il taglio del numero dei parlamentari; seguono gli incentivi per uno sviluppo economico basato sulla sostenibilità ambientale (24%). Sempre relativamente alle prospettive solamente il 6% per una legge che regoli i conflitti d’interesse e favorisca uno sganciamento della Rai dalla politica.

Viene a galla uno scostamento tra pronostici e aspettative: il 44% è del parere che il governo si occuperà prioritariamente della manovra a vantaggio dei ceti deboli; il 37% del taglio dei parlamentari; il 30% della revisione del decreto sicurezza.

In un’epoca in cui il gradimento politico risulta essere molto volatile, sarà necessario per questo governo non demolire le fondamenta piantate dal precedente asse tra Movimento 5 Stelle e Lega: l’abolizione di Quota 100, la riapertura dei porti e la modifica dei decreti Sicurezza potrebbero risultare mosse fatali per il consenso verso i giallorossi.

Leggi la notizia su Il Giornale