Sgarbi bombarda la Cgil: “Squallida strumentalizzazione. C’era pure Di Maio, che c’entra lui con il lavoro?”



Vittorio Sgarbi senza freni contro la manifestazione andata in scena a Piazza San Giovanni a Roma. Il critico d’arte, candidatosi con Enrico Michetti e futuro assessore alla Cultura della Capitale in caso di vittoria del centrodestra al ballottaggio, ha criticato aspramente su Twitter chi è sceso in piazza dopo l’assalto alla sede della Cgil da parte degli esponenti di Forza Nuova: “Triste che la CGIL si sia prestata a squallida strumentalizzazione alla vigilia del ballottaggio di Roma. Ridicola passerella politica che con il lavoro non ha nulla a che fare. C’era anche Luigi Di Maio, uno che ha passato la sua vita a schivarlo, il lavoro”.

Doppio obiettivo da parte di Sgarbi. Da una parte il sindacato guidato da Maurizio Landini che in questa maniera ha influenzato le persone alla vigilia del ballottaggio tra Michetti e Roberto Gualtieri. Dall’altra nel mirino è finito il ministro degli Esteri, spesso bersaglio delle invettive di Sgarbi.

Leggi la notizia su Il Tempo