“Senza condono a Ischia non votiamo”: Rixi inchioda Di Maio, M5S corresponsabile della strage


da Il Tempo – Edoardo Rixi, vice-ministro alle Infrastrutture del goveno Melono ed esponente della Lega, ripercorre con Repubblica i giorni che hanno portato al condono di Ischia del 2018, epoca in cui, nello stesso ministero, era sottosegretario del primo governo Conte: “Noi avevamo la necessità di fare il decreto Genova e all’ultimo momento il M5S ha chiesto di inserire il condono di Ischia.

Ci fu una fortissima pressione dei 5 Stelle. E per fare il decreto sul ponte abbiamo dovuto accettare quella part. Tecnicamente fu Vito Crimi a seguire il provvedimento, da sottosegretario a Palazzo Chigi. Ma si spese soprattutto Luigi Di Maio, ponendola come condizione. Di Maio in sostanza disse ‘o così o non votiamo il decreto Genova”.

“Io – sottolinea Rixi nel rispondere a chi accusa la Lega di aver votato il provvedimento – ero abbastanza perplesso sull’inserire quella norma. Erano due temi scollegati, il ponte e il condono. Bisogna dare una priorità al governo. In Campania la situazione è oggettivamente complessa. Col fatto che la Regione ai tempi del condono di Berlusconi bloccò tutte le pratiche, noi abbiamo in alcuni casi realtà che in altre regioni sono state condonate e lì no. C’è stato un cortocircuito nel sistema, per cui è sullo stesso piano chi ha aperto una finestra e chi ha costruito l’ecomostro. Servono norme uguali per tutti, altrimenti c’è una confusione totale. Una soluzione va trovata. Far finta di niente non aiuta”

“È stata – ricorda ancora il leghista Rixi – una scelta parlamentare quella di accorpare l’emergenza in Liguria con il condono. Qualcuno ha utilizzato quel momento per sistemare altre cose. Quando si arriva a mediazioni governative, ci sono pro e contro. Ma anche senza quel condono, in assenza di lavori sulla montagna, la tragedia ci sarebbe stata lo stesso. Ne sono convinto”.

leggi la notizia su Il Tempo