Sbarchi, il Viminale smentisce se stesso. Lamorgese: “Non c’è alcuna emergenza”. Ma i dati dicono +87% (Video)

Il ministro dell’interno, Luciana Lamorgese, ha rivendicato la linea del governo Conte 2 sul fenomeno immigrazione. Durante una conferenza stampa a Potenza, dove il ministro ha presieduto il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, la Lamorgese ha toccato il sensibile tema immigrazione, dichiarando apertis verbis: “Non c’è un’emergenza immigrazione“.


L’urgenza rimane, così come riconosciuto da tutti, rimpatriare i migranti irregolari. Tale necessità viene sottolineata dal ministro, che si attribuisce il merito di aver rimpatriato metà dei migranti tunisini sbarcati nel mese di settembre. E gli altri?

Con la Tunisia esiste un accordo di rimpatrio, così come ha ammesso la Lamorgese. Adesso occorrerà lavorare, in sinergia con il ministro degli esteri (il quale, però, non sembra interessato al tema), a nuovi accordi di rimpatrio.

I dati per questi primi due mesi di governo giallorosso – e i dati sono quelli del Viminale stesso – sono impietosi: 4.320 sbarchi tra settembre e novembre 2019 (+87% rispetto agli sbarchi avvenuti durante il governo Conte I dal 5 settembre all’11 novembre). Nessuna emergenza?

Leggi la notizia su Libero Quotidiano

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter