Salvini risponde agli insulti dei teppisti rossi: “Fosse qua Berlinguer vi prenderebbe a sputazzi in faccia”


 – Tensioni e contestazioni al comizio di Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni in Emilia Romagna in vista del voto per le Regionali del prossimo 26 gennaio.Un gruppo di contestatori a Piacenza ha cercato di interrompere il discorso di Salvini a colpi di urla e di cori con Bella Ciao. Dopo averli ascoltati il leader del Carroccio rivolgendosi ai contestatori ha mandato un messaggio chiaro: “Non ci sono piu i contestatori di una volta. Cantano ‘Bella Ciao’ con il rolex al polso. Fosse qua Berlinguer vi prenderebbe a sputazzi”.

Dopo qualche fischio e dopo qualche attimo di tensione, Salvini e la Borgonzoni hanno proseguito nel loro intervento. Non è certo questo l’unico episodio di lotta aspra in queste settimane di campagna elettorale. Nel mirino dei “kompagni” sono finiti anche le altre forze del centrodestra che sono impegnate sul campo per la sfida alle Regionali. Solo qualche giorno fa alcuni militanti di Fratelli d’Italia sono stati attaccati dai centri sociali per un gazebo in piazza mentre lo stesso Salvini ha dovuto fare i conti con insulti e contestazioni in un altro comizio in Emilia Romagna.

La lotta per il voto del 26 dicembre si fa sempre più dura e accesa. Anche la Borgonzoni dal palco di Piacenza ha mandato un messaggio chiaro a chi in queste settimane la insultata nell’indifferenza della sinistra che protesta solo quando l’insulto arriva da destra: “Noi siamo avanti e non di poco – ha detto ancora Borgonzoni – io lo capisco perhè ogni ogni mattina mi sveglio e ho Bonaccini più – si alternano – Cazzola, Sala, Zingaretti, Prodi anche , lo vedo sta iniziando ad arrivare, che mi insultano“. Poi l’affondo: “Ma non hanno capito – ha concluso Borgonzoni rivolgendosi alla piazza – che no siamo fatti ed abbiamo la tempra di quelli che non mollano mai.

Noi questa Regione ce la riprendiamo, la rivogliamo, e servite tutti voi: non facciamoci prendere dal siamo avanti, loro porteranno chiunque, anche quelli ‘tiepidi’, per cui stiamo attenti: dobbiamo portare al voto e convincere tutte le persone indecise, questa volta possiamo farcela“. Insomma dietro gli attacchi in piazza e gli insulti ci sarebbe quel nervosismo che comincia a disturbare una sinistra impaurita da un flop in Emilia-Romagna. Di fatto in questo quadro va sottolineata l’ipotesi di una “slavina” sul governo in caso di sconfitta dei giallorossi alle Regionali. Infatti con un doppia sconfitta in Calabria ed Emilia Romagna la stabilità dell’esecutivo verrebbe messa in discussione. Un avviso di sfratto chiaro per Conte, Pd e 5 Stelle…Dal nostro dondolo dell’

Leggi la notizia su Il Giornale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter