Salvini e Meloni difendono l’editore di Casapound: “Deriva pericolosa”. “Processi alle idee e roghi dei libri”


Di Ludovica Colli – Torino, 9 mag – L’esclusione della casa editrice Altaforte, vicina a CasaPound, dal Salone del libro di Torino può rappresentare un “deriva pericolosa“. E’ il commento a caldo della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, a margine degli stati generali dei commercialisti. “E’ una deriva che io considero francamente molto pericolosa – ha sottolineato l’ex ministro – mi pare che il presidente della regione Piemonte e il sindaco di Torino non abbiano molto di cui occuparsi se si occupano di questo; se si occupassero di più dei problemi dei torinesi sarebbe meglio”.

Il Commento di Matteo Salvini:

Sono pericolosissimi i processi alle idee e i roghi dei libri“. Così il vicepremier Matteo Salvini, durante un comizio a Pesaro, interviene sulla censura contro Altaforte, esclusa dal Salone del libro di Torino su richiesta del governatore del Piemonte Chiamparino e della “sindaca” Appendino. “Siamo nel 2019 e alla censura dei libri in base alle idee – denuncia il leader della Lega – . Ma non ha mai portato fortuna il rogo e la censura dei libri. Alle idee si risponde con le idee non con la censura“.

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale