Roma, si denuda e tenta di violentare una ragazzina: straniero linciato a calci e pugni dalla folla inferocita



da Libero Quotidiano – Linciaggio in pubblico a Roma, quartiere Centocelle. Un giovane immigrato africano è stato accusato di aver molestato una ragazza e per questo lo hanno inseguito in via Collatina e preso a calci e pugni, fino all’arrivo delle forze dell’ordine. Non sono mancati gli insulti sfondo razziale, al grido “Neg***o di m***a tornatene a casa”.

E sui social, dopo la denuncia di un residente che ha parlato di violenza cieca e “schifo inimmaginabile”, gli utenti si dividono: c’è chi giustifica la rappresaglia, sull’onda dell’indigniazione e dell’esasperazione di un quartiere “difficile”, e chi invece condanna la giustizi fai-da-te stile occhio per occhio, tirando in ballo anche una possibile incapacità di intendere e di volere dell’immigrato.

Secondo le prime ricostruzioni, l’africano si sarebbe denudato davanti a una ragazzina minorenne, mostrandole le parti intime davanti a un bar. La madre della ragazza è uscita e ha iniziato inveire contro il giovane. A fornire qualche dettaglio un testimone, su Facebook: “A na certa sento strillare ‘Fermatelo! Fermatelo!’, m’avvicino e un gruppo di gente aveva bloccato un ragazzo nero”. “Lo bloccano, si forma un capannello di gente, qualcuno grida neg***o di m***a e gli molla un cazzottone e il ragazzo nero va per terra. A terra, gli arriva qualche calcione anche da qualche avventore capitato lì per caso”.

Un linciaggio in piena regola, da Far West, e il peggio è stato evitato dall’intervento di qualche passante e dall’arrivo delle gazzelle dei carabinieri della stazione Tor Sapienza, che hanno poi portato in caserma il ragazzo straniero con l’accusa di tentata violenza sessuale su minore.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano