Reggio Emilia, straniero palpeggia una poliziotta poi si masturba di fronte a lei: arrestato per violenza sessuale




Di Benedetta Salsi – Reggio Emilia, 11 giugno 2019 – Una violenza sessuale che, questa volta, ha visto come vittima una donna in divisa. È l’incredibile vicenda accaduta sabato pomeriggio alla vecchia stazione di Reggio Emilia, in piazzale Marconi, da tempo zona al setaccio delle forze dell’ordine perché segnalata come luogo di degrado, con una forte percezione di insicurezza. Tutto è accaduto quando un cittadino di colore di 28 anni, con passaporto finlandese, ha molestato una poliziotta, esibendosi poi con gesti di autoerotismo, prima di finire in manette per violenza sessuale.


L’inquietante episodio è avvenuto in pieno giorno, dopo che gli agenti hanno notato questo giovane che si aggirava in maniera insistente tra l’atrio e l’area della vecchia stazione di Reggio Emilia, dando l’impressione di essere in stato di turbamento psico-fisico.
Un volto non nuovo per le forze dell’ordine, quello del ragazzo, che spesso si aggira per la città senza meta. Gli agenti lo hanno così fermato per procedere con alcuni controlli di rito.

Ma il 28enne non si è placato. Non si è limitato infatti a dare in escandescenze nei dintorni della vecchia stazione di piazzale Marconi. Durante le procedure di accertamento e identificazione, l’uomo ha perso la testa anche all’interno dei locali della polizia e ha iniziato a palpeggiare il seno di una poliziotta in servizio. Repentinamente ha poi iniziato a masturbarsi davanti a lei.

Lo straniero è subito stato bloccato dagli agenti e per lui sono scattate le manette. È stato così arrestato dalla Polizia ferroviaria con l’accusa di violenza sessuale e presto comparirà davanti all’autorità giudiziaria per la convalida.

Leggi la notizia su Il Resto Del Carlino

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter- ©RASSEGNEITALIA