Putin annuncia la mobilitazione nazionale: “Per la difesa del nostro popolo e della sovranità russa”


da Affari Italiani – “Per la difesa del nostro popolo, della sovranità della Russia e dell’integrità territoriale”, “appoggio la decisione del ministero Difesa e dello Stato maggiore di introdurre la mobilitazione parziale”. Lo ha annunciato il presidente russo, Vladimir Putin, in un atteso discorso alla nazione giunto all’indomani della convocazione di referendum in quattro regioni occupate nell’est e nel sud dell’Ucraina, per la loro annessione.

Putin ha spiegato che “la leva riguarderà solo cittadini che al momento sono parte delle riserve, cioè coloro che hanno svolto il servizio militare nelle forze armate, che hanno già esperienza e formazione”, ma ha precisato che “i chiamati, prima di partire per il fronte, avranno un’ulteriore formazione e ulteriore addestramento”.

Il decreto è già stato firmato e verranno informati per iscritto Duma e Consiglio nazionale“, ha proseguito Putin, sottolineando che le “iniziative” in applicazione del decreto per la mobilitazione cominceranno “da oggi”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha poi avvertito, rivolgendosi a chi a suo dire cerca di ricattare la Russia con armi nucleari che “la rosa dei venti potrebbe girare nella loro direzione”. Nel suo discorso ai russi, il presidente ha sottolineato che i cittadini russi possono essere certi che “l’integrità territoriale della nostra patria, la nostra indipendenza e libertà saranno assicurate”. “E coloro che stanno cercando di ricattarci con armi nucleari dovrebbero sapere che anche la rosa dei venti può girare nella loro direzione”, ha detto Putin nel suo discorso.

Leggi la notizia su Affari Italiani