Prove di dittatura delle sardine, il loro manifesto anti-populisti: “Non avete diritto di essere ascoltati”

 – C’è un passaggio del “manifesto delle sardine” su cui riflettere, lasciando da parte la retorica del movimento “nato dal basso”.  Ed è quando afferma che “grazie ai nostri padri e nonni avete il diritto di parola, ma non avete il diritto di avere qualcuno che vi stia ad ascoltare”. Se uno ci riflette con calma, fa venire i brividi. È la nuova censura. La differenza con quella “fascista” (le sardine direbbero così) è che invece di tappare la bocca di chi parla, si pone come obiettivo quello di infilare pezzi di tonno nelle orecchie di chi ascolta. Potete parlare, ma “non avete il diritto” (capito?), il “diritto”, di avere “qualcuno che vi stia ad ascoltare”. Fa paura.


Ho intervistato Mattia Santori, leader del movimento bolognese nato la scorsa settimana. È simpatico e pure pacato nel parlare. Non fa scivoloni, non urla. È preparato. Le sardine non bloccano le strade per impedire ai leghisti di raggiungere il Paladozza. Sono il volto pulito del dissenso anti-leghista. A dire il vero una di loro ha invocato un “giustiziere” per Salvini, ma sostiene fosse ironico. Di certo non lanciano bombe carta, non pestano i poliziotti, non portano balle di fieno in piazza per bloccare l’ingresso di Salvini. Ma sono mossi da un principio simile: mentre i centri sociali si mobilitano per impedire fisicamente ad un leader politico di parlare agli italiani (sarebbe la democrazia, compagni!), le sardine puntano a togliere al leghista (e alla destra) il diritto di avere qualcuno che possa andarli a sentire.

Il dramma è che se gli italiani non hanno diritto di ascoltare SalviniMeloniBorgonzoni, allora potranno solo affidarsi alle sirene di chi sta simpatico alle sardine. Magari al Pd o Italia Viva. Ai vari Corrado Aiugias, Roberto Saviano e via dicendo. L’ipotesi fa rabbrividire. Ma non perché Zingaretti, Renzi, Speranza, Potere al Popolo e tutti i pensatori sardine-compatibili non abbiano la libertà di dire ciò che vogliono e di radunare masse intorno al proprio messaggio. Ma perché l’idea che solo un messaggio di sinistra (o non populista) abbia “diritto” di essere ascoltato è liberticida. Un orrore democratico. Anzi: non ha proprio nulla di democratico. È presunzione radical chic. E il bello (o il brutto) è che una persona intelligente come Mattia Santori, faccia pulita e spirito lodevole, non riesca a capirlo.

Cercheremo di essere chiari: le sardine hanno facoltà di cercare di occupare il campo leghista, strappargli via l’elettorato, fare da pietra d’inciampo alle elezioni regionali. Se ci riusciranno, bravi loro. Hanno tutto il diritto di svincolarsi dalla “onnipresenza opprimente” dei populisti. Di combattere (presunte) “bugie e odio” che i sovranisti avrebbero “riversato” sui “concittadini”. Che si inorridiscano pure per “quanto in basso” l’Italia sarebbe arrivata. Nessun problema. È un bene che credano ancora “nella politica e nei politici con la P maiuscola” (senza però indicare quali). Fanno benissimo a cercar di convincere “vicini, parenti, amici e conoscenti” che “per troppo tempo” la destra ha mentito loro. Ma da qui a mettere per iscritto che Lega, FdI, CasaPound e pure Forza Nuova non possano avere il diritto di rivolgersi ai propri fan ce ne passa eccome. Se non capite dov’è il confine tra opposizione e imposizione, allora abbiamo un problema. Perché questa è la linea rossa che divide la democrazia dalla dittatura del pensiero unico: non esiste un progetto di società giusto o sbagliato, esiste un programma politico mio e tuo, di destra e di sinistra. E non nesuno dei due è del tutto ‘vero’ o del tutto ‘fasullo’.

Non so se questo articolo verrà mai giudicato da un giudice-sardina o da una Commissione Segre qualsiasi. E comunque mi sento al sicuro: dicono che ho libertà di parola. Ma se dovessimo applicare il manifesto delle sardine, allora non avrei il “diritto” di avere “qualcuno che mi stia ad ascoltare”. Ovvero voi lettori. E questo mi fa preoccupare.

Leggi la notizia su Il Giornale

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter