Prima calci e pugni a un manifestante poi fomenta la rivolta: il video dell’uomo di Lamorgese che indigna l’Italia


Da Libero Quotidiano – C’è un giallo che sta prendendo piede in queste ore. Si tratta dell’identità di un presunto poliziotto che ha preso parte agli scontri di Roma contro il Green pass. L’uomo, prima viene ripreso prendere a calci e pugni un manifestante mentre gli agenti tentano di placarlo, poi in un altro video si vede lo stesso uomo in quello che sembra un incitamento ai no-Green pass nell’assalto del blindato della Polizia.

“Guardate un po’ dove si trovava il poliziotto in borghese con maglietta grigia che picchiava il ragazzo a terra… lì con i manifestanti che hanno dondolato il furgone della Polizia e non mi sembra che contribuisca a favorire l’azione” commenta un utente sui social postando un frame di un video in cui il presunto poliziotto si trova davanti alla camionetta con mascherina e occhiali da sole.

Lo stesso Vittorio Sgarbi si è detto indignato per la violenza dell’uomo in maglietta grigia ai danni di un partecipante alla protesta: “Questo agente in borghese che picchia un manifestante va radiato dalla Polizia. Vergogna”. Intanto dalla questura, è quanto fa sapere l’Adnkronos, filtra l’indiscrezione che le indagini sono in corso ma al momento non esiste alcun riscontro sul poliziotto infiltrato.

Sul web si è arrivato addirittura a ipotizzare che fosse un dirigente di un importante commissariato romano. “Ecco a voi l’infiltrato della Digos che ha pestato a sangue vittime inermi, lo stesso energumeno che ha sfondato le porte a vetri della Cgil”, si legge su Twitter. Un’ipotesi che non trova riscontro in quanto scoperto dagli investigatori, che dunque smentiscono la tesi dell’importante dirigente.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano