Polveriera-Italia, cittadini esasperati. Feltri avverte il governo: “Se manca il pane il popolo non ragiona più”


Da Libero Quotidiano – Il direttore di Libero Vittorio Feltri parla delle manifestazioni in tutta Italia da parte delle attività più colpite dalla pandemia: “La mia sensazione è che in questi giorni stia accadendo qualche cosa che minaccia di sfuggirci di mano, mi riferisco al fatto che all’Italia stanno saltando i nervi, noi abbiamo visto ieri molte manifestazione di gente esasperata e i motivi sono semplici, quando al popolo viene meno il pane e il companatico il popolo si incavola e non ragiona più e noi siamo proprio sull’orlo di un crisi di nervi, anzi è già in atto in molti settori della società.

Quindi attenzione, bisogna che questo governo anziché promettere ristori che non possono bastare a calmare gli animi esasperati… Bisogna che ci faccia ricominciare a lavorare. E per farlo bisogna tenere presente un dato scientifico che anche noi di Libero abbiamo testimoniato: all’aperto il contagio non può avvenire, il virus invece viaggia sui mezzi pubblici (tram, metropolitana ecc) e quelli sono i luoghi da evitare, mentre per chi non può evitarli è bene che li affronti munendosi delle protezioni adeguate…”.

“…Per il resto non c’è nessun problema, potremmo ricominciare a lavorare, certo non ritroveremmo i livelli economici di una volta, ma potremmo cominciare a sostituire il segno meno con il segno più e sarebbe un incoraggiamento a tutti specialmente a coloro i quali gestiscono dei negozi e gestiscono i bar, insomma agli esercenti, il cosiddetto terziario che deve riprendere a lavorare… Perché il resto funziona, l’industria tira ancora e ci sono imprenditori che assumono e non trovano il personale. Non possono i signori del governo condannarci ancora a lungo a questa reclusione che sta rovinando la psiche di tutte le persone”.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano


Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter