Pisa, risarcimento da 130mila euro ad un ragazzino di 16 anni: “Danni permanenti dopo il vaccino”



Da Il Primato Nazionale – Roma, 21 lug – Un ragazzo di 16 anni ha riscontrato danni permanenti dopo la somministrazione del vaccino contro il Covid-19 nel mese di luglio 2021 e riceverà un indennizzo di 130mila. Dopo alcuni lampanti sintomi, come ematomi e bolle di sangue, il giovane si è rivolto al pronto soccorso di Pisa, città in cui risiede, dove gli sono stati riscontrati dei valori piastrinici fuori dalla norma. Il sedicenne è stato successivamente ricoverato presso l’Aoup “Santa Chiara”, nel reparto di Oncoematologia pediatrica, dove è rimasto in cura fino al giorno 18 ottobre.

Dopo essere stato dimesso, il ragazzo si è rivolto al Codacons, dopo aver fornito una cartella clinica in cui erano stati registrati gli esiti della patologia: si tratta di piastrinopenia autoimmune con sospetta correlazione con la vaccinazione effettuata. Secondo le dichiarazioni del dipartimento militare di medicina legale con sede a La Spezia, sembra che i sintomi primari del ragazzo siano dovuti a una trombocitemia autoimmune, verificatasi poco dopo la somministrazione del vaccino Moderna.

Danni permanenti dopo vaccino: ragazzo di 16 anni riceverà 130mila euro

Si potrebbe pensare che il sedicenne fosse soggetto a patologie pregresse, eppure non aveva mai avuto grandi problemi di salute, infatti praticava regolarmente l’attività sportiva. Secondo quanto asserito da Cristina Adducci, avvocato che ha seguito il caso per il Codacons, l’azione portata avanti dall’associazione dei consumatori non deve essere considerata ”un’azione contraria ai vaccini in quanto tali. Ci battiamo per una corretta informazione e per la tutela della salute dei cittadini”.

Il risarcimento che il ragazzo riceverà, ammonta in totale a 130mila euro, distribuiti in assegni mensili di 1.400 euro per i prossimi 15 anni. Sarebbe a questo punto corretto indagare su tutti gli altri casi in cui diverse persone hanno registrato nuove patologie dopo la somministrazione del vaccino, soprattutto per comprendere le possibili cause e concatenazioni di questi spiacevoli eventi.

Gabriele Caramelli

leggi la notizia su Il Primato Nazionale