Pavia, operaio marocchino scaraventa a terra un anziano di 90 anni e gli spezza il femore: in prognosi riservata



da La Provincia Pavese – Un litigio nel piazzale dell’Iper di Montebello dove c’è il parcheggio: una spinta violenta ed è caduto a terra. La vittima dell’aggressione è un pensionato di 90 anni che abita a Voghera in corso XVII marzo. L’uomo, le cui ossa sono fragili per l’età avanzata , si è fratturato il femore sinistro: guarirà in tre mesi salvo complicazioni.

L’aggressore, un operaio di 42 anni, originario del Marocco ma residente a Montebello della Battaglia, dopo la spinta si è allontanato ma è stato identificato dai carabinieri della compagnia di Voghera grazie alle immagini delle telecamere della videosorveglianza del centro commerciale. L’uomo è stato segnalato all’autorità giudiziaria e dovrà rispondere all’accusa di lesioni gravi. I militari hanno aperto un’inchiesta per chiarire i motivi di un litigio che si poteva concludere in tragedia. La prognosi è riservata soprattutto in considerazione dell’età avanzata del ferito.

E’ successo nel tardo pomeriggio di giovedì sul piazzale del centro commerciale di Montebello. I due si sono incrociati e forse si sono anche toccati. Il pensionato avrebbe detto qualche parola all’operaio che ha reagito nel modo sbagliato. I due si sarebbero insultati e il marocchino con una spinta ha cercato di allontanare il «rivale». Ma non si è reso conto che una spinta a un uomo di quella età poteva essere fatale.

Il pensionato è infatti caduto ed ha battuto con violenza la gamba destra. A questo punto l’operaio si è allontanato precipitosamente mentre il 90enne è stato soccorso da alcuni clienti dell’Iper. All’inizio le chiamate al 118 erano per un malore perchè nessuno aveva assistito direttamente all’episodio.

Il 90enne è stato accompagnato in pronto soccorso dove le radiografie hanno evidenziato la frattura del femore destro. Probabilmente dovrà amche essere operato. Intanto i carabinieri hanno identificato l’aggressore.

Leggi la notizia su La Provincia Pavese