Paura a Foligno: straniero si denuda davanti a una donna e le mostra i “gioielli”. Poi la insegue per violentarla



Da Il Secolo d’Italia – Momenti di paura e di imbarazzo nel parco di Foligno. È l’ennesimo caso di un uomo che mostra le parti intime senza ritegno. Una molestia che – con diversi protagonisti in negativo e donne come vittime – si aggiunge a numerose altre.

Nelle ultime settimane c’è stata una escalation, con vicende simili in varie città. Tutto ha avuto inizio quando i poliziotti hanno ricevuto una chiamata al Numero Unico di Emergenza Europeo. Immediatamente è scattato l’allarme e l’intervento degli uomini in divisa. Nel parco c’era infatti un uomo che era intento a molestare una donna. E a compiere atti osceni davanti ai suoi occhi.

Mostra le parti intime nella zona delle giostre

Gli operatori, giunti sul posto, hanno preso contatti con la vittima che aveva chiesto aiuto. La donna ha riferito che – mentre passeggiava all’interno del parco – si è avvicinata alla zona in cui ci sono le giostre. Di conseguenza, erano presenti anche alcuni minorenni. A quel punto un uomo l’ha avvicinata, si è denudato e le ha mostrato i genitali.

La fuga dal parco inseguita dal molestatore

La donna ha avuto attimi di spavento. Nonostante ciò, ha seguito le indicazioni degli agenti della Sala Operativa del Commissariato di Foligno. È infatti uscita velocemente dal parco. L’uomo l’ha seguita a breve distanza ma poi si è fermato lungo la strada. Grazie alle indicazioni fornite dalla signora, i poliziotti sono riusciti a rintracciarlo e a identificarlo.

Il 60enne straniero deferito per atti osceni in luogo pubblico

Si trattava di un 60enne di origini straniere. Sentito in merito dagli operatori, ha riferito di essere uscito a fare una passeggiata negando quanto aveva raccontato la donna. Gli agenti hanno quindi accompagnato il 60enne presso gli uffici del Commissariato per una compiuta identificazione. Al termine delle attività di rito, lo hanno deferito all’Autorità Giudiziaria per atti osceni in luogo pubblico.

Leggi la notizia su Il Secolo d’Italia