Orrore in una casa di riposo: anziani vaccinati con la forza e morti subito dopo. Testimone: “È stato disumano”


Da Toba60 –  E’ spaventoso quello che trapela da questa indagine che badate bene e’ stata già depositata agli atti da parte dell’avvocato tedesco Reiner Fuellmich a cui fa seguito nell’articolo un ampia documentazione badate bene ”ufficiale” e non frutto di speculazioni mediatiche messe in atto per una questione propagandistica.

Abbiate cura di leggere attentamente ogni punto e fate riferimento ai numerosi collegamenti dove potete verificare in modo autonomo ogni sviluppo dei fatti. In Germania tutti ne sono al correte e molti degli avvenimenti censurati dalla televisione italiana e in tutto il mondo in genere, riferiti alle sommosse popolari in corso quotidianamente, vertono su indagini come queste che via via che passa il tempo sgretolano il muro di omertà’ da parte delle strutture della sanità.

Sono già’ nel mirino in Italia numerosi fatti inequivocabili che si collegano a quanto avvenuto in Germania, manca solo l’input che temo partirà solo da una situazione che prima o poi si evolverà in una scomposta azione collettiva fuori da ogni controllo.

Denuncia di un testimone di interesse pubblico: “Otto dei 31 anziani in una casa di cura a Berlino sono morti dopo essere stati vaccinati con la forza con il vaccino sperimentale Pfizer.

L’avvocato tedesco  Reiner Fuellmich , che in precedenza ha affermato  che i responsabili dello “Scandalo Corona” dovrebbero essere perseguiti per crimini contro l’umanità  , ha anche intentato una causa contro il “FactCheckers” recentemente pubblicato su Facebook. a Berlino. L’intervista è in tedesco, ma c’è una traduzione in inglese che includeremo di seguito. La voce del denunciante cambia per impedire che la sua identità venga riconosciuta.

Il testimone descrive come i soldati tedeschi accompagnassero le infermiere a somministrare i vaccini e che non vi era alcun consenso informato e che alcuni che resistettero furono comunque vaccinati. Il denunciante testimonia come testimone oculare di come la salute degli inquilini anziani si sia deteriorata rapidamente subito dopo la vaccinazione, provocando la morte di 8 dei 31 residenti entro poche settimane. Sebbene queste persone anziane soffrissero di demenza, erano ancora in buone condizioni fisiche prima della vaccinazione. Sono stati anche testati negativi per COVID, ma dopo la vaccinazione i loro test sono stati positivi.

Secondo la conoscenza e l’osservazione di prima mano del testimone, le morti di queste persone anziane sono state “disumane”. “Di solito, la persona che muore normalmente accetta finalmente la sua morte imminente e forse dopo aver visto una persona cara per l’ultima volta -” se ne va “pacificamente. Tuttavia, la morte dopo la vaccinazione era diversa, ha detto il testimone. È “disumano”. Le persone anziane che hanno visto morire il testimone respiravano affannosamente, tremavano rumorosamente e sembravano già morte. Gli sembrava una lotta solitaria e futile contro la morte, come se “la gente sapesse che l’ora della propria morte non era ancora arrivata, e quindi non erano ancora stati in grado di accettarla”.

L’avvocato  Viviane Fischer ha denunciato il caso al pubblico ministero e ha anche informato la polizia. Testimone di interesse pubblico dalla casa di cura di Berlino L’orribile morte dopo la vaccinazione. Per la prima volta, c’è un rapporto di un testimone oculare di una casa di cura di Berlino sulla situazione dopo la vaccinazione. Proviene dalla casa di cura  AGAPLESION Bethanien Havelgarten di Berlino-Spandau. Lì, entro quattro settimane dalla prima  vaccinazione BioNTech / Pfizer Comirnaty , otto (8) dei 31 anziani che soffrivano di demenza ma erano in buone condizioni fisiche a seconda della loro età prima della vaccinazione morirono.

La prima morte è avvenuta solo sei giorni dopo e altre cinque persone anziane sono morte circa 14 giorni dopo la vaccinazione. I primi sintomi della malattia erano già comparsi poco dopo la vaccinazione. Dalle informazioni disponibili di  2020News  , i pazienti non erano adeguatamente informati sui rischi di questo vaccino. Uno dei motivi è che hanno fornito informazioni dettagliate sull’innovazione di questo vaccino  mRNA  certificato  solo a  determinate condizioni nell’Unione europea.

L’avvocato  Viviane Fischer   e l’avvocato  Dr. Reiner Füllmich    del  Comitato covid-19   ha parlato in un’intervista televisiva con il denunciante circa le condizioni dettagliate della vaccinazione, i sintomi che si sono verificati e la diversa natura dei morti e la loro relazione temporale con la vaccinazione.
Il 3 gennaio 2021, 31 donne e uomini residenti nel reparto di demenza anziani “a terra / area protetta” sono stati vaccinati con  Comirnaty . I parenti di altre tre persone anziane si erano opposti al vaccino e due occupanti erano in terapia intensiva, quindi non hanno ricevuto il vaccino.

Gli occupanti di questo reparto sono molto attivi, pazienti che si “difendono” dalla demenza e che sono fisicamente in buone condizioni. Possono spostarsi tutto il giorno senza restrizioni. Il giorno prima della vaccinazione, le 31 persone che erano state vaccinate erano tutte in buona salute. Pochi giorni prima, tutti erano stati testati per il coronavirus con esito negativo, secondo il rapporto del testimone.

Secondo il denunciante, la prima fase di vaccinazione con  Comirnaty   il 3 gennaio 2021 si è svolta in modo tale che tutti gli occupanti si siano riuniti nella sala ricreativa dell’ala del primo piano. Una squadra di vaccinazione composta da un anziano vaccinatore, tre assistenti e due soldati federali in divisa mimetica ha eseguito le vaccinazioni.  Il personale e il medico della casa di cura hanno aiutato nel processo. Chiarito esplicitamente il ruolo dei soldati, che non si sono in alcun modo discostati dal processo di vaccinazione. Tuttavia, ciò che il denunciante è stato in grado di dimostrare è che la presenza degli uomini in uniforme spaventava troppo gli anziani.

Il gruppo degli anziani, che di solito mostra un “forte comportamento difensivo” in caso di cure sconosciute, è stato difficile da identificare, come se fossero stati trasformati in “agnelli” tanto da ricevere la vaccinazione  Comirnaty   senza protestare. Il denunciante sospetta che ciò possa essere correlato anche al fatto che gli anziani, che hanno vissuto la guerra, non hanno potuto apprezzare adeguatamente il ruolo dei soldati e probabilmente hanno ricordato le situazioni traumatiche della guerra.

Durante la prima vaccinazione, un uomo anziano che ha resistito è stato preso in custodia da un’infermiera sotto l’occhio vigile dei soldati tedeschi, ha detto il testimone oculare.  Nessun ordine del tribunale è stato emesso per la detenzione , che quindi costituisce  coercizione   e quindi richiede in linea di principio una valutazione giudiziaria in ciascun caso.

Secondo il denunciante, la seconda dose del vaccino è stata somministrata senza preavviso e la vaccinazione è avvenuta nel luogo in cui è stato trovato l’anziano. Ad esempio, un’anziana signora sdraiata a letto senza sospetti che ha iniziato a resistere alla seconda dose è stata trattenuta da due membri del personale per piegare la sua resistenza, di nuovo senza il necessario ordine del tribunale. Lo striscio del test PCR, a cui alcuni anziani hanno cercato di resistere, viene anche usato regolarmente con la forza fisica contro gli anziani che resistono alla procedura medica indesiderata, ha detto il denunciante.

Secondo il denunciante, la formazione sulla vaccinazione per gli operatori sanitari e i parenti gli anziani non possono acconsentire efficacemente alla vaccinazione a causa della loro demenza -si basava su fogli informativi obsoleti  dell’RKI / Grünes Kreuze . Nello specifico, le informazioni richieste dal  Regolamento (E C ) n. Regolamento (CE) n. 507/2006  relativo al fatto che al vaccino  Comirnaty   è stata concessa solo un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata e mancano i motivi. In particolare, le informazioni avrebbero dovuto essere fornite all’autorità di regolamentazione  EMA  ( European Medicines) ), lo stato dei dati e delle informazioni deve ancora essere migliorato sotto vari aspetti, ad es. l’interazione di  Comirnaty   con altri farmaci.

Già il giorno della vaccinazione, quattro degli anziani vaccinati hanno iniziato a mostrare sintomi insoliti. Quel pomeriggio erano esausti ed estremamente stanchi, alcuni di loro dormivano a tavola durante la cena. C’è stato un forte calo della saturazione di ossigeno nel sangue. Nel corso del tempo, la stanchezza insolita è continuata, la saturazione di ossigeno nel sangue è rimasta insufficiente, in alcuni casi si sono verificati respiro corto e febbre, edema, eruzione cutanea, scolorimento grigio-giallastro della pelle e tremore muscolare (caratteristico) le mani e le braccia.

Gli anziani hanno anche mostrato un cambiamento nel comportamento, sono stati parzialmente insensibili e si sono rifiutati di mangiare o bere. Un uomo anziano vaccinato, che in precedenza era “in buona salute” per la sua età e non aveva una grave malattia di base, è morto il 9 gennaio 2021, appena sei giorni dopo essere stato vaccinato. I decessi tra gli anziani vaccinati si sono verificati il ​​15 gennaio, 16 gennaio, 19 gennaio (2 morti), 20 gennaio, 2 febbraio e 8 febbraio 2021. L’anziano deceduto più di recente era un ex cantante lirico che suonava il pianoforte durante il giorno prima. vaccinazione. Il testimone denunciante afferma sul suo stato di salute che l’anziano  faceva jogging regolarmente, ballava, suonava musica e per il resto era molto dinamico e attivo.

Degli anziani che sono risultati negativi prima della vaccinazione, alcuni improvvisamente “sono risultati positivi” per il test dopo la vaccinazione. Tuttavia, tutti questi anziani non presentavano nessuno dei sintomi noti di COVID-19, ovvero sintomi del raffreddore come tosse, raffreddore, perdita dell’olfatto e del gusto, ecc.

Il 24 gennaio 2021, la seconda dose di  Comirnaty è   stata somministrata a 21 anziani. Dopo questa vaccinazione, secondo il denunciante, undici persone anziane mostrano una stanchezza estrema persistente, mancanza di respiro parziale, gonfiore parziale, eruzione cutanea e scolorimento grigio-giallastro della pelle. A partire dal 10 febbraio 2021, nessuno degli anziani che hanno ricevuto la seconda dose di  Comirnaty  è morto, ma la salute di alcuni anziani in questo gruppo è in costante deterioramento.

Il testimone descrive drammaticamente la diversa natura del processo di morte vaccinato. Normalmente, la persona che muore normalmente accetta finalmente la sua morte imminente e – forse dopo aver visto per l’ultima volta una persona cara – “se ne va” pacificamente. Tuttavia, la morte dopo la vaccinazione era diversa, ha detto il testimone. È “disumano”. Gli anziani che hanno visto morire il testimone respiravano affannosamente, tremavano rumorosamente e sembravano già morti. Gli sembrava una lotta solitaria e futile contro la morte, come se “la gente sapesse che l’ora della propria morte non era ancora arrivata, e quindi non erano ancora stati in grado di accettarla”. Continua a leggere su Toba60