Ora Repubblica senza vergogna fa pure la vittima ribaltando la realtà: “Matteo Salvini ci da la caccia”




 – Carlo Verdelli, il direttore di Repubblica, che ha piazzato in prima pagina il titolo “Cancellare Salvini” per accompagnare, senza nemmeno le virgolette, l’intervista di Graziano Delrio che quelle parole non le ha mai pronunciate.La mossa del quotidiano romano ha scatenato subito le proteste della Lega e l’indignazione di tutto il centrodestra.

Quel titolo è l’ennesimo attacco in una stagione d’odio contro Salvini che arriva da sinistra, hanno sottolineato i capigruppo del Carroccio. E lo stesso Salvini ha parlato di una “istigazione all’odio”. Di fatto però, dopo il pasticcio in edicola, da Repubblica non sono arrivate scuse o retromarce, anzi da via Cristoforo Colombo hanno rincarato la dose rovesciando del tutto la vicenda: Salvini non ha capito il titolo e il suo “attacco al giornale è indecente”. Scontro finito? No. Ci ha pensato ancora una volta il direttore Verdelli a rincarare la dose che di fatto nel suo editoriale di questa mattina mette ancora una volta nel mirino Salvini incolpandolo di una polemica che, senza dubbi, è stata innescata da Repubblica. Nel suo editoriale, Verdelli scrive: “Matteo Salvini sa leggere. Ieri ha letto Repubblica e ha capito benissimo il senso del titolo di prima pagina. D’altronde, non era difficile. otto un occhiello arancione bello grosso, ‘Immigrazione’, la scritta ‘Cancellare Salvini’ era la sintesi di un’intervista al capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio sul tema delle politiche migratorie, a partire dai decreti sicurezza pretesi proprio dalla Lega“.

Poi parla dell’intervista di Delrio e afferma: “Delrio sosteneva che tutto l’impianto che ha trasformato l’Italia in una terra di respingimenti – prosegue Verdelli – andava cambiato, e al più presto. Da qui la sintesi: eliminare tutta la scia di disumanità lasciata in eredità da Salvini, cancellare la spirale di paure contro lo straniero da lui fomentata con brutale insistenza. Questo e non altro era il senso, e Salvini l’aveva capito benissimo“. La domanda però sorge spontanea: perché usare quelle parole e non una dichiarazione di Delrio per presentare l’intervista al capogruppo dem? Inutile, per Verdelli il colpevoile della polemica è solo Salvini. E così affonda il colpo sul leader della Lega che sui social ha smascherato l’odio che arriva da Repubblica: “In campagna elettorale vale tutto, per Salvini almeno, e così, da un palco di Casalecchio di Reno, ha trasformato l’attacco di un esponente della maggioranza di governo alla sua linea sovranista, nazionalista e anche razzista, in una minaccia alla sua persona, in una ‘istigazione alla violenza senza precedenti’, agitando la prima pagina di Repubblica come fosse un manifesto di caccia all’uomo“. La chiusura dell’editoriale però è durissima e Verdelli posiziona Repubblica nel ruolo di “vittima” e Salvini in quello di carnefice: “Per tutto il giorno, fino a notte, e probabilmente ancora oggi e domani, è questo giornale che è diventato il mostro da cacciare. Buona continuazione, senatore”.

Leggi la notizia su Il Giornale 

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter