Ora è l’Olanda a bloccare Sea Watch, l’Ong accusa: “Vogliono impedirci di tornare nel Mediterraneo”




La Sea Watch adesso punta il dito contro l’Olanda. La nave umanitaria adesso si trova nel porto di Marsiglia dopo aver lasciato quello di Catania. L’equipaggio e l’ong accusano il governo olandese di aver posto un blocco sul ritorno in mare nel Mediterraneo per i salvataggi dei migranti di fronte le coste della Libia.

Infatti a quanto pare le autorità olandesi non averbbero dato l’ok alla ripresa delle operazioni al centro del Mediterraneo. E così in un tweet di fuoco proprio Sea Watch va all’attacco e accusa l’Olanda su Twitter: “Dopo la pressione legale di Sea Watch, l’Olanda ha revocato il blocco illegittimo della nave a Catania. Tuttavia mostra ancora l’intenzione di voler impedire la ripresa delle nostre operazioni di ricerca e soccorso anche al termine della manutenzione programmata in Francia”.

Da pochi giorni la nostra Caputaneria di Porto ha infatti dato l’ok alla Sea Watch per navigare verso Marsiglia dove sulla nave verranno effettuate nuove verifiche e nuovi interventi per mettere lo scafo a norma. Infatti le autorità italiane avevano rilevato alcune anomalie che lo staff della Sea Watch ha eliminato durante la permanenza della nave a Catania. Lavori che però dovranno essere ripetuti e ulteriormente approfonditi nel porto francese.

Leggi la notizia su Il Giornale

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter