Olanda, gli agricoltori pronti alla guerra: “Rutte deve prepararsi alle peggiori azioni di sempre” (Video)


da Scenari Economici – Il leader della principale organizzazione agricola olandese ha dichiarato che il primo round di colloqui di venerdì con una delegazione guidata dal Primo Ministro Mark Rutte sugli obiettivi di riduzione delle emissioni di azoto del governo ha prodotto “al momento troppo poco” per migliaia di agricoltori che vivono nell’incertezza.

Gli obiettivi di emissione hanno scatenato proteste dirompenti nelle ultime settimane e Johan Remkes, un veterano della politica che ha guidato i colloqui di venerdì, ha riconosciuto che c’è una “profonda crisi di fiducia” tra le parti, pur descrivendo le discussioni come “eccezionalmente costruttive”.

Sono previsti ulteriori colloqui per cercare di alleviare la crisi. Rutte ha dichiarato che il dialogo è “cruciale” per ripristinare la fiducia, ma per adesso non si è andati da nessuna parte.

Sjaak van der Tak, presidente del principale gruppo di pressione degli agricoltori LTO, che rappresenta circa 30.000 aziende agricole nei Paesi Bassi, ha detto che il governo ha ceduto terreno nei colloqui, ma “al momento, troppo poco”.

“Il Gabinetto non ha voluto fare ulteriori concessioni, a quanto pare ha bisogno di più tempo per prepararsi ai prossimi colloqui”, ha detto. Due delle principali organizzazioni di agricoltori che chiedono concessioni al governo non hanno partecipato ai colloqui nella città centrale di Utrecht perché dicono di non fidarsi di Remkes, un membro del partito politico di Rutte, ma sono state rappresentate da LTO.

Gli agricoltori sono comunque ancora sul piede di guerra e hanno affermato che “Rutte deve prepararsi alle peggiori azioni di sempre”

Nelle ultime settimane, gli agricoltori arrabbiati per l’obiettivo di ridurre le emissioni di azoto del 50% entro il 2030 hanno bloccato i centri di distribuzione dei supermercati, parcheggiato i trattori sulle autostrade e scaricato rifiuti, tra cui letame e amianto, sulle strade.

Rutte ha criticato quelli che, a suo dire, sono piccoli gruppi di agricoltori che hanno messo in pericolo gli altri con la natura delle loro proteste. “Mettere volontariamente in pericolo gli altri, danneggiare le nostre infrastrutture e minacciare le persone che aiutano a ripulire è oltre ogni limite”, ha scritto su Twitter la scorsa settimana.

Remkes ha detto che la crisi di fiducia “va oltre l’attuale discussione sull’azoto” ed è stata causata in parte da anni di politica agricola del governo e dalla sensazione degli agricoltori che i loro sforzi negli ultimi anni per ridurre le emissioni non siano stati riconosciuti.

Il governo è stato costretto ad agire dopo che, negli ultimi anni, i tribunali hanno iniziato a bloccare i permessi per i progetti infrastrutturali e abitativi perché il Paese non raggiungeva gli obiettivi di emissione. Dietro a tutto c’è un potere giudiziario progressista e fuori controllo, che pretende di sostituirsi al potere politico.

Leggi la notizia su Scenari Economici