“Non lo faceva per fare male, ma per educare”: mamme difendono l’imam che bastonava i bambini




PIEVE DI SOLIGO (TREVISO) – «Non lo faceva per fare male, ma per educare». I genitori dei piccoli alunni della scuola di Corano del centro islamico di Pieve di Soligo difendono l’imam Faruk Omar. Non bastano le denunce delle insegnanti delle elementari che si sono accorte dei lividi, dei dolori al petto, delle difficoltà respiratorie (e delle crisi di pianto o degli attacchi di vomito) che presentavano alcuni bambini quando arrivavano in classe al mattino.

E nemmeno i riscontri dei carabinieri, che hanno registrato e filmato le vessazioni subite dai piccini all’interno della moschea. Per quei genitori che di fronte alle richieste di chiarimenti delle maestre hanno sempre minimizzato e negato tutto, con comportamenti ai limiti del favoreggiamento scrive il gip Gianluigi Zulian nell’ordinanza di misura cautelare di divieto di dimora eseguita nei confronti del predicatore bengalese indagato per maltrattamenti aggravati.

Continua a leggere su Il Gazzettino

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter- ©RASSEGNEITALIA