Lo sci: la prima tensione del nuovo governo e Meloni li affonda nella neve

«Italiani trattati come sudditi: è l’affondo finale nella neve del leader di FdI Giorgia meloni, che commenta così lo stop fino al 5 marzo alla riapertura degli impianti da sci, firmato dal ministro Speranza. «Solo pochi giorni fa il governo ConteSperanza e il Cts avevano autorizzato la riapertura delle piste da sci dal 15 febbraio nelle Regioni in zona gialla – ha detto Giorgia Meloni -. A 24 ore dalla ripartenza, lo stesso Cts dice che non ci sono più le condizioni e il governo Draghi-Speranza decide un altro rinvio. È la mazzata finale per tantissimi operatori, che non hanno lavorato per mesi subendo perdite enormi e che per organizzare la riapertura hanno sostenuto spese, assunto personale, venduto skipass, accettato prenotazioni alberghiere. Quando verranno ristorate queste imprese? Quanti soldi verranno stanziati per pagare i danni di questa scelta? Chi dirà ai lavoratori appena assunti che da domani dovranno rimanere a casa? Ma soprattutto: come lavorate? È scandalosa la superficialità con la quale si prendono in giro cittadini e imprese, procedendo a tentoni, trattando gli italiani come sudditi. Basta!» aggiunge la leader di Fratelli d’Italia mentre mette a segno l’ennesimo affondo dal color bianco come la neve.

Segui le nostre notizie su Facebook e su Twitter