Il Comparto Polizia corre pericoli: l’appello del Sap di Ascoli

Nella serata di sabato, ovvero in una delle giornate notoriamente “più calde” a San  Benedetto del Tronto si è verificata l’ennesima rissa tra ragazzi, che dai primi  accertamenti sono risultati essere di diverse nazionalità (nordafricani ed albanesi) e  con la partecipazione anche di un connazionale. Nella circostanza, più persone sono  finite all’ospedale per diverse ferite, uno addirittura colpito da un martello, ma poteva  andare certamente peggio sia ai ragazzi, che agli operatori dell’UNICA volante  intervenuta sul posto. 

Il comparto Polizia corre pericoli?

Sia chiaro che queste informazioni, non hanno lo scopo di entrare nel merito delle  problematiche cittadine di San Benedetto del Tronto, molto simili a quelle di molte  altre città italiane, ma per l’ennesima volta siamo costretti a denunciare la pericolosità  che corre il Personale dell’unica volante a disposizione del Commissariato rivierasco. 

Quello che ci preoccupa particolarmente è che il tutto è avvenuto in un periodo (quello  invernale) in cui negli anni precedenti non si sono verificati particolari criticità, e ci  chiediamo: cosa accadrà in Riviera nel periodo estivo? 

Atti criminosi dopo tante restrizioni

Sicuramente tali atti criminosi che sono senza ombra di dubbio o scusante alcuna da  condannare, scaturiscono da un anno di restrizioni a cui i cittadini hanno dovuto  sottostare. Purtroppo quello che stiamo verificando in quasi tutte le città italiane è che  la voglia di libertà della gente, ma soprattutto dei giovani, sta provocando queste  gravi ed insensate reazioni, senza farsi scrupolo delle gravissime conseguenze che si  potrebbero venire a creare. 

La richiesta del Sap di Ascoli

Chiediamo con forza alle Istituzioni preposte di attivarsi immediatamente a richiedere  ulteriore Personale proveniente anche da Reparti esterni per garantire non solo  maggiore vigilanza del territorio, ma soprattutto maggiore sicurezza degli Operatori, che si trovano a svolgere il delicato servizio su strada, oltre che dello stesso cittadino. I tagli lineari effettuati negli ultimi anni dai Governi precedenti sulla sicurezza hanno  prodotto e produrranno ancor di più in futuro le problematiche segnalate; una sola  volante non può rispondere a più emergenze che si verificano nel medesimo momento (fatto peraltro avvenuto proprio sabato sera) e certamente non si può costringere il personale a fare più di quanto già fa con straordinari e doppi turni. Chiediamo una volta per tutte che ci sia dato in dotazione il Taser, che ricordiamo è  uno strumento di non violenza per antonomasia che, nella stragrande maggioranza dei  casi, svolge anche una funzione di deterrente eccezionale nell’inibire i comportamenti  violenti. 

Le ferie valgono anche per i Poliziotti?

Sembrerà strano, ma le ferie, che sono un diritto irrinunciabile da parte del lavoratore  e riconosciuto dall’art. 36 della Costituzione, valgono anche per i Poliziotti, gli stessi  Poliziotti che le hanno accumulate nel corso degli anni per garantire i minimi servizi  Istituzionali dopo i tragici eventi sismici avvenuti tra il 2016 ed il 2017, ferie che si  rischia di perdere in quanto non usufruite nei termini previsti; in poche parole oltre il  danno, anche la beffa. 

Cogliamo l’occasione pertanto di rivolgerci ai rappresentanti della cittadinanza dei  quartieri di San Benedetto del Tronto, che hanno sollevato numerose volte le criticità  in argomento ed alle istituzioni politiche locali, chiedendo loro di aiutarci nella  battaglia che impegna questa Segreteria Provinciale e di interessare gli organi di  Governo affinché provvedano ad aggregare in questo centro un congruo numero di  Poliziotti, così come peraltro avviene già da anni in tanti altri centri turistici. 

Le preoccupazioni della cittadinanza rivierasca

Ci uniamo alla preoccupazione della cittadinanza, di cui noi stessi facciamo parte, con  un dilemma che a noi preoccupa e non poco: Come faremo se saremo in numero  inferiore a quello attualmente in forza oggi e, con sempre più anni sulle spalle a  svolgere compiutamente ed efficacemente il servizio alla comunità per cui la Polizia di  Stato opera? 

Attualmente noi questa risposta non la sappiamo dare, ed è per questo che gli organi  preposti si devono immediatamente attivare, per evitare che se un giorno dovesse  accadere qualcosa di grave, noi non dovremmo pronunciare la fatidica frase: “Ve lo  avevamo detto”. 

Ascoli Piceno, 28 febbraio 2021 

Il Segretario Provinciale del Sap (Sindacato Autonomia Polizia)

Massimiliano d’Eramo

Segui le nostre notizie su Facebook e su Twitter