“Battistoni e Tombolini hanno deciso da soli per Silvetti. Nessun confronto”

Spread the love
Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un gruppo di dissidenti Forza Italia- Ancona, contrari all’ auto-candidatura di Silvetti a sindaco della città dorica, decisa senza confronto all’interno del partito forzista e comandata, a loro dire, da Battistoni e Tombolini.
“Si tende a sottolineare che i dissidenti di Forza Italia non sosterranno in alcun modo la candidatura di Daniele Silvetti a sindaco di Ancona. L’On. Battistoni e il Commissario Provinciale Tombolini si prendano la responsabilità di sostenere Silvetti, per cui sono invitati a fare personalmente la campagna elettorale. Non vi è stato alcun confronto all’interno del partito e l’auto candidatura la dice lunga sul modo di operare. Una “auto candidatura” che ha ricevuto la freddezza glaciale anche dei civici tanto acclamati e della Lega. Di rito i comunicati stampa, isolati, di solo 3 esponenti di FDI.
Serve condivisione sulle decisioni, non si può demandare a singoli le decisioni che dovrebbero essere collegiali e non può essere usata la stampa come trampolino di lancio per ambizioni strettamente personali. Oltretutto, dobbiamo accendere i riflettori su due note fondamentali e ben sottolineate persino dal Pd dilaniato da lotte interne:
1) il ruolo di Presidente del Conero, ottenuto grazie a Fi , è di garanzia per tutta la Regione al di là dei colori politici e non deve ne può essere strumentalizzato per fini personali e/o elettorali.
Doverosa la sospensione del ruolo dell’autocandidato Silvetti.
2) considerando le sue dichiarazioni  di occuparsi di una lista civica, si dimetta da ogni incarico e ruolo politico in Forza Italia. Ricordiamo a tutti che è Responsabile Regionale del dipartimento Ambiente.
Chiediamo di riflettere sulla necessità di procedere con un candidato in solitaria e ragionare su altre possibili soluzioni partendo da punti programmatici e ascolto.
Dissidenti Forza Italia