Covid, Fdi: “Sputnik per russi non valido in Italia. Danni per turismo e moda”

Spread the love

Roma- “Ennesimo affondo alle aziende turistiche e manifatturiere da parte del governo”. Lo dichiara il deputato marchigiano di Fratelli d’Italia Lucia Albano, che spiega: “I grandi buyer russi non hanno potuto partecipare all’ultima edizione di Pitti Uomo perché vaccinati con Sputnik: un siero non ancora approvato dell’EMA che non permette di ottenere il Green Pass necessario per circolare nel nostro Paese. Questo rappresenta una grave perdita per il settore turistico e della moda, dove la spesa dei buyer russi, secondo un’analisi di Coldiretti, ammonta a 400 milioni di euro solo nel trimestre estivo”.

Interrogazione al governo: Lucia Albano prima firmataria

Tuttavia, il governo italiano ha prorogato l’intesa con la città di San Marino, che garantisce ai sammarinesi vaccinati con Sputnik di circolare nel territorio del nostro Paese con una certificazione verde equiparata a quella italiana. “Su questa grave disparità di trattamento – prosegue Albano – Fratelli d’Italia ha depositato un’interrogazione a mia prima firma al ministro Speranza, sottoscritta dai deputati Emanuele Prisco e Rachele Silvestri, perché il governo intervenga sul tema degli ingressi dalla Russia e del vaccino Sputnik, e trovi una al più presto soluzione”.

On. Lucia Albano

Putzu: ” Gravi ripercussioni alle imprese”

“La questione crea gravi ripercussioni alle imprese marchigiane”, dichiara Andrea Putzu, presidente della commissione Attività produttive del Consiglio Regionale delle Marche, “soprattutto in vista della prossima edizione di MICAM Milano, la più importante fiera delle calzature, un mercato che rappresenta una parte importante del fatturato della Regione”.

Andrea Putzu con Francesco Acquaroli e On. Lollobrigida

Commenta per primo

Lascia un commento