Anche Prodi attacca Letta: “Basta parlare di Ius soli e Ddl Zan. Pensi ai temi sociali, basta slogan”

Spread the love

Di Adriana De Conto – Enrico Letta ha da poco concluso la Festa dell’Unità di Bologna rilanciando in chiave elettorale i cavalli di battaglia del Pd: Ius soli e ddl Zan.  «Le nostre battaglie sui diritti troveranno risultati entro la legislatura», ha promesso.

Non avrebbe mai pensato il segretario dem che si sarebbe preso un liscio e busso proprio da Romano Prodi, che in un’intervista a la Stampa non ha lesinato i suoi bonari consigli. Bonari ma affilati.

I “consigli” di Prodi a Letta: lo Ius soli non porta voti…

Le battaglie di bandiera non ti porteranno un voto, gli manda a dire il fondatore dell’Ulivo, che di Letta è stato uno dei padri politici. Prodi gli ha suggerito di rimpolpare un po’ il proprio repertorio. Basta con Ius soli e ddl Zan. Ci sono anche i temi sociali.  Temi quasi del tutto evitati nel discorso di chiusura. L’ex premier in un colloquio con la Stampa manda al suo “allievo” un messaggio chiaro.

Inizi a fare politica, andando oltre le bandierine e gli slogan: «Se il Pd deciderà di spingere per una politica di forte rivendicazione dei diritti sociali (lavoro, scuola, salute, casa) i voti pioveranno», avverte speranzoso Prodi. Che fare allora dei temi-bandiera, dei  diritti individuali, su cui si sta concentrando caparbiamente Letta?

Prodi a Letta: “Basta ius soli e ddl Zan, ci sono anche i temi sociali…”

«L’affermazione dei diritti individuali avviene solo se esiste una rete sociale», è stata la replica di Prodi al quotidiano torinese. Sottotesto: il ddl Zan o lo ius culturae vanno bene, ma non portano voti. Un certo fastidio per l’ossessiva ripetitività di Letta sui due temi di riferimento era emersa anche tra i suoi. Non dimentichiamo che Letta ha tredici correnti al suo interno; che in molti non vedeono l’ora di celebrare il congresso per incoronare Bonaccini segretario.

Il problema, fa però notare un senatore dem in un retroscena del Giornale, è che «stiamo costruendo la campagna elettorale su un bluff: né il ddl Zan né tanto meno la legge sulla cittadinanza hanno i numeri per essere approvati in Parlamento. E non perché lo dice Salvini, ma perché non siamo stati in grado di costruire attorno ad essi alcuna intesa parlamentare, necessaria per portare a casa le riforme». Insomma, glielo dicono pure i suoi: Letta cambia disco.

Leggi la notizia su Il Secolo d’Italia

Commenta per primo

Lascia un commento