Nella caserma di Treviso 246 migranti su 281 positivi. Il PD insorge contro Conte: “È una vergogna nazionale”


La caserma Serena di Treviso è un problema per il Veneto. Dei 281 migranti ospiti 246 sono positivi al coronavirus. A questi si aggiungono anche 11 operatori (su 25), che prima invece non avevano evidenziato contatti con il virus. Ci, dunque, sono solamente 49 persone “sane” lì dentro. “Qui ci sono delle gravi responsabilità e altrettanto gravi silenzi del Governo – ha tuonato il sindaco Mario Conte -. Da lì non deve uscire nessuno finché non saranno tutti negativi, dobbiamo tutelare la salute della nostra comunità. I danni al territorio sono incalcolabili, qualcuno dovrà renderne conto”.

Ma le critiche arrivano anche dal centrosinistra. “Tutti i segretari nazionali delle forze politiche che mi sostengono devono venire con me e il professor Calò alla caserma Serena: questa è una vergogna nazionale”, ha detto il candidato in Veneto, il piddino Arturo Lorenzoni“. Insomma, Giuseppe Conte e i giallorossi devono intervenire prima che sia troppo tardi, anche il governatore Luca Zaia ha più volte ribadito il vero problema: gli sbarchi incontrollati.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter