Modena, marocchino irrompe in hotel: “Ho voglia di fare sesso”, poi sequestra e stupra la titolare


Di Valentina Reggiani – Si è presentato in hotel, una struttura situata in un comune della Bassa modenese, quando i clienti, ormai, si erano ritirati nelle proprie stanze e si è avvicinato alla titolare, sua conoscente. Dopo chiare avances sessuali, dinanzi al rifiuto della vittima l’ha chiusa in una stanza e l’avrebbe poi aggredita sessualmente.

E’ stato rinviato a giudizio, ieri, con l’accusa di violenza sessuale, un marocchino di 35 anni per il quale la difesa aveva chiesto il patteggiamento. Richiesta che è stata rigettata dal giudice. L’episodio risale al febbraio dello scorso anno.

Non è chiaro se vittima e aguzzino si conoscessero o meno da tempo: dagli accertamenti è emerso però come lo straniero si fosse invaghito della titolare della struttura, una 48enne con la quale aveva scambiato anche chiacchiere in passato.

Quella notte, però, lo straniero sarebbe entrato in hotel con un solo obiettivo: corteggiare la donna. La vittima, però, dinanzi ad avances spinte ha cercato di allontanare il 35enne che, approfittando dell’assenza – in quel momento – di clienti nella struttura ha trascinato la vittima in una stanza.

Una volta immobilizzata l’uomo avrebbe poi abusato di lei. La 48enne ha sporto subito denuncia ai carabinieri che si sono portati sul posto per tutti i rilievi tecnici del caso. Le indagini avrebbero poi confermato la testimonianza resa dalla donna e ieri mattina il 35enne è stato rinviato a giudizio con l’accusa di violenza sessuale.

Leggi la notizia su Il Resto del Carlino