Milano, marocchino rifiuta di partecipare al blitz anti-polizia: massacrato a calci e bastonate dai centri sociali


Di Andrea Galli – Eccoli qui, gli aspiranti rivoluzionari, i paladini (rigorosamente a parole) degli oppressi e dei loro diritti. Che invece schiavizzano e picchiano a sangue. Dopo aver chiesto i soldi.

Son tutti pregiudicati. Fanno parte del Caab, il comitato autonomo abitanti Barona, sigla dell’area no-global milanese che conta un ventina di elementi e che quand’è nata, al mondo s’è annunciata per appunto quale polo di mutua solidarietà per chi non ha una casa.

Invece, come dimostra l’indagine della Digos guidata da Claudio Ciccimarra, sotto il coordinamento dei magistrati Alberto Nobili e Leonardo Lesti, i cinque occupavano appartamenti popolari, s’intende dietro compenso (nel caso specifico, 1.500 euro ricevuti da un marocchino per abitare a un piano rialzato al civico 4 di via Lago di Nemi), ordinando agli inquilini di partecipare tassativamente alla «resistenza» contro gli sgomberi e dunque contro gli «odiati sbirri», di sfilare nei cortei inneggianti all’uguaglianza dei popoli, … Insomma, una specie di lavoro.

Senonché, poiché uno dei marocchini, di 43 anni, non aveva rispettato uno degli obblighi, i cinque l’hanno convocato e l’hanno così accolto: calci e pugni sferrati con cazzuola da muratore e bastone.

Le «carte» dell’inchiesta dicono parecchio altro. Succedeva che per tenere prigionieri i migranti, quelli del Comitato sequestrassero i documenti d’identità. Succedeva che minacciassero di morte, succedeva che si considerassero i padroni unici e assoluti del quartiere, visto che ripetevano che la «zona è nostra».

Adesso dovranno star lontano non solo dalla zona, il quartiere Barona, ma da Milano tutta, in relazione alla condanna subita, una condanna che anziché la galera prevede, unitamente all’obbligo di presentarsi quotidianamente in un ufficio di polizia giudiziaria, il divieto di dimora qui in città.

L’operazione della Digos ben illustra il modus operandi delle sigle no-global, che campano sulla pelle dei poveracci. Quel marocchino, per esempio, a causa di pesanti problemi economici, aveva chiesto aiuto al comitato nella speranza d’ottenere un alloggio popolare, senza sapere dell’inderogabile onere, una volta avuto un appartamento, di recuperare ovunque fosse, con qualunque mezzo legale o illegale, i 1.500 euro che gli garantivano il permesso di restare, non si sa per quanto tempo, nella nuova casa.

Premesso che il bilocale del 43enne era in penose condizioni, lui ha raccontato agli inquirenti che non aveva tempo per star dietro alle pretese — la «resistenza» contro gli sgomberi, i cortei, i volantinaggi eccetera —, avendo un mestiere che lo tiene occupato dalle tre di notte alle quattro del pomeriggio. A difesa dell’uomo, era intervenuta una connazionale 33enne, ugualmente residente in un alloggio abusivo. L’avevano cercata e «punita». Botte davanti ai due figlioletti. Pugni al seno, calci alle gambe. E una gravidanza al sesto mese diventata a rischio.

 


Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter