Milano del PD: tunisino scaraventa a terra una ragazza, poi minaccia i passanti col coltello. Altri 2 algerini arrestati per rapina


Da Il Secolo d’Italia Milano fuori controllo. I carabinieri hanno arrestato per rapina aggravata un 35enne di origine tunisina, pluripregiudicato per reati contro la persona, in materia di stupefacenti e di immigrazione. I militari sono intervenuti in viale Montebello, dove l’uomo ha  rapinato una ragazza di  26enne. Si è avvicinato,  le strappato di mano il cellulare e nel tentativo di sottrarle la borsa a tracolla l’ha fatta cadere.

Milano, un tunisino  aggredisce una 26enne: è un pluripregiudicato

Sentite le urla di aiuto della ragazza, alcuni passanti hanno rincorso e fermato il 42enne. Ma hanno dovuto lasciarlo quando ha estratto un coltello, minacciandoli. Le ricerche degli uomini dell’Arma hanno permesso di rintracciare e bloccare l’uomo, il quale si era disfatto dell’arma e del bottino.

La vittima è ricoverata all’ospedale Policlinico per sospetta frattura del femore destro. L’arrestato, che ha dato in escandescenza, procurandosi escoriazioni su gamba sinistra e braccio sinistro, è in osservazione all’ospedale Fatebenefratelli; prima del suo trasferimento nel carcere di San Vittore.

Milano fuori controllo: due algerini arrestati per rapina

Milano al centro di furti e aggressioni ravvicinati. L’insicurezza la fa da padrone. Proprio in concomitanza dell’aggressione della ragazza, gli agenti della Polizia ferroviaria di Milano hanno arrestato due cittadini algerini di 24 e 25 anni: l’accusa è di furto aggravato in concorso. Erano senza regolare permesso di soggiorno in Italia.

E’ accaduto nell’area della stazione Centrale: gli agenti hanno notato i due uomini che si erano avvicinati a un’auto il cui conducente si apprestava a caricare alcuni bagagli. Prima che l’auto iniziasse la sua corsa, uno dei due ha aperto il baule; e il complice, con una mossa fulminea, si è impossessato dello zaino. Entrambi si sono allontanati velocemente, ma sono stati subito bloccati e arrestati. Lo zaino, conteneva materiale tecnologico per un valore di oltre 500 euro.

Leggi la notizia su Il Secolo d’Italia