Milano, aziona il freno della metro e pesta un poliziotto con la spranga di ferro: gambiano bloccato con Taser

 – Aziona il freno d’emergenza della metro, malmena il capostazione e poi picchia un agente con la spranga in ferro. Così, un gambiano di 22 anni, appena qualche ora fa, ha dato di matto nella metropolitana di San Donato (Milano) seminando il panico tra i viaggiatori. Per immobilizzaro, è stato necessario ricorrere al teser.


Le botte alla polizia, quelle al dipente della società Atm e, come se non fosse già abbastanza, pure lo sfascio totale di alcuni mezzi parcheggiati nel deposito ferroviario: la follia assoluta. Non si è fatto mancare nulla lo straniero che, nella mattinata di lunedì 2 dicembre, ha deciso di fare esplodere letteralmente il caos totale sulla scia di un raptus senza precedenti degni di nota e attentando alla vita delle persone coinvolte con una barbarie disumana.

È successo alle 10,40 di questa mattina. Il gambiano si trovava a bordo di un treno del metrò linea gialla, con direzione San Donato quando, senza un apparente motivo, ha tirato il freno d’emergenza per l’arresto immediato del convoglio. Subito dopo aver commesso il fatto, è sceso sulla banchina e, come una furia, si è scagliato contro il capostazione malmenandolo alla cieca in ogni parte del corpo. Ma non è tutto. Non pago di aver quasi tramortito un uomo, si è diretto rapidamente verso il vicino deposito Atm in via Impastato. Giunto nell’area parking, ha poi recuperato alcuni oggetti di fortuna – presumbilmente della ferraglia o di altro materiale metallico – e ha danneggiato in modo irreparabile molti dei mezzi in sosta. E non finisce qua.

Quando sul posto sono arrivati gli agenti della polizia, allertati da numerose segnalazioni, il 22enne ha dato ancor di più in escandescenze, finendo del tutto fuori controllo. Alla vista dei poliziotti non ha affatto arretrato o provato a svignarsela. Anzi, li ha pure sfidati con sfrontatezza. Munito delle peggiori intenzioni, ma soprattutto di una spranga in ferro, il gambiano ha assalto la pattuglia scegliendo, tra i vari, di colpire l’agente che aveva tentanto di disarmarlo. Data la pericolosità del soggetto e l’impossibilità di ricondurlo all’ordine con le buone, la polizia ha dovuto ricorrere all’utilizzo del taser per inibirlo. “Senza alcuna conseguenza fisica per l’uomo”, riferisce la Questura di Milano. Ciononostante, pare che lo scalmanato sia riuscito comunque a ferire uno dei presenti con un oggetto metallico recuperato tra i rottami del deposito Atm. Immobilizzato con non poca fatica il 22enne è stato tratto in arresto e denunciato per danneggiamento aggravato e lesioni a vario titolo.

Leggi la notizia su Il Giornale

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter