Migranti, Bergoglio “minaccia”: “Chi alza i muri sarà sconfitto da invasioni potenti. I populisti come Hitler nel ’34”


( Adnkronos) – “Le xenofobie tante volte cavalcano sui cosiddetti populismi politici. Ho detto la settimana scorsa o l’altra che delle volte sento in alcuni posti discorsi che assomigliano a quelli di Hitler nel ’34″. Lo ha denunciato il Papa sul volo di ritorno dall’Africa rispondendo ad una domanda su cosa pensi del problema dell’educazione dei giovani in Africa.

“Si vede – ha aggiunto Bergoglio – che c’è un ritornello in Europa, ma anche in Africa. Io ho letto sui giornali di questo problema della xenofobia. Ma non è un problema solo dell’Africa, è una malattia umana, come il morbillo. E’ una malattia, ti viene, entra in un Paese, entra in un continente. E mettiamo muri, no? E i muri lasciano soli coloro che li fabbricano. Sì, lasciano fuori tanta gente, ma coloro che rimangono dentro i muri rimarranno soli, e alla fine della storia sconfitti per delle invasioni potenti. Ma la xenofobia è una malattia: una malattia ‘giustificabile’, tra virgolette, no la purezza della razza, ad esempio, per nominare una xenofobia del secolo scorso”.

Leggi la notizia su Adnkronos

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter