“Mai i migranti nei porti Libici”: i ” trafficanti” di Msf e Sos Méditerranée “minacciano” l’Italia e sfidano Salvini


Médecins sans frontières e Sos Méditerranée ricominciano dai migranti. Le due ong infatti riprendono le operazioni di soccorso nelle acque internazionali, al largo della Libia. A nulla sono servite le pressioni politiche e le traversie giudiziarie che le hanno viste protagoniste. “A Msf – riferisce a Le Figaro Hassiba Hadj-Sahraoui di Medici senza frontiere – erano stati congelati i conti bancari delle missioni italiane e di ricerca e salvataggio”, a fronte di un’inchiesta in Italia sulla gestione dei rifiuti a bordo della nave Aquarius. Non solo, la procedura ancora in corso ha “bloccato i conti di alcuni membri dello staff italiano”. Ma ora – fa sapere ItaliaOggi – l’organizzazione si dichiara pronta a ripartire.

A tornare in mare anche l’Ocean-Viking, il cargo battente bandiera norvegese di 69 metri di lunghezza e 15,5 di larghezza, in viaggio per raggiungere il Mediterraneo centrale. Il costo di una giornata in mare è stimato 14 mila euro. Così Sos Méditerranée ha lanciato una campagna di raccolta fondi. “Non forzeremo le acque territoriali italiane – ha detto Louise Guillaumat, direttrice delle operazioni della ong -, “ma rifiuteremo di sbarcare le persone in Libia, nel rispetto del diritto marittimo internazionale”.

Leggi la notizia su Libero Quotidiano

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter