Mafia capitale, Buzzi: “Il PD è il mio mondo. Acchiappavo disperati nei centri di accoglienza per tesserarli al PD”


Di Davide Romano – Roma, 25 giu – Torna a parlare Salvatore Buzzi e lo fa dagli arresti domiciliari. Lui il “ras delle cooperative”, il nome intorno al quale ruota tutta l’inchiesta di “Mafia capitale”, si racconta in una lunga intervista al Foglio. Rivendicando, tra le altre cose, la sua appartenenza ideologica e politica alla sinistra. “Sono stato iscritto al Pci a partire dal 1976. Quello è il mio mondo. Quello del Pd è il mio mondo. Sono sempre stato dalemiano. Per me D’Alema era un mito. Non l’ho mai conosciuto veramente, era inarrivabile. Però l’ho incontrato qualche volta. Poi sono stato della corrente di Bersani, per logica conseguenza. E tenga conto che Roma è stato uno dei pochissimi posti dove la sinistra vinse contro Renzi alle famose primarie della rottamazione. Mi ricordo che andavo ad acchiappare i disperati dei nostri centri di accoglienza per tesserarli al Partito democratico. Gli davo 20 euro per la tessera e i soldi per comprarsi una pizza. Poi loro andavano a votare alle primarie“.

Buzzi, un uomo di sinistra

Insomma Buzzi rivendica ancora una volta la sua storia di uomo di sinistra. “Da ragazzino frequentavo molti di quelli che sarebbero diventati i dirigenti della sinistra romana, Mario Di Carlo, che fu direttore nazionale di Legambiente e adesso è morto, e Loredana De Petris. Diventammo anche amici, negli anni Settanta e Ottanta. Gente di grande valore”. Eppure, soprattutto nella prima fase, a livello mediatico tentarono di dare alla vicenda tutt’altro colore politico. “A me è sempre un po’ venuto da ridere quando leggevo l’accostamento della 29 giugno (la cooperativa di Buzzi, ndr) con la destra”. Con la destra al Campidoglio Buzzi spiega che “il primo che ci venne a chiedere soldi fu Franco Panzironi, l’amministratore delegato di Ama durante l’amministrazione Alemanno. Mi chiedeva centomila euro per sbloccare un pagamento di 5 milioni che Ama doveva fare alla mia cooperativa. Che fai, non glieli dai?”.

La detenzione a Tolmezzo

Buzzi nell’intervista del Foglio parla a ruota libera e tra le altre cose definisce il Campidoglio un “suk”, spiegando come i peggiori non siano nemmeno i politici ma “i funzionari”. Il re delle cooperative ha poi parlato della sua detenzione insieme ai “mafiosi veri”. “In carcere, a Tolmezzo. Avevo quattro siciliani in cella. Cosa mi dicevano? Niente. Quelli non parlano mai. Ci si sta benissimo in alta sicurezza. C’è solo criminalità, come dire Di un certo livello. E poi a Tolmezzo si mangia anche molto bene. Ero persino ingrassato. In cucina c’era Roberto Spada, quello del clan di Ostia. Quello che diede la testata al giornalista Daniele Piervincenzi. Gran cuoco. Era l’unico romano assieme a me. Abbiamo fatto amicizia”.

Davide Romano

Leggi la notizia su Il Primato Nazionale 

Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter