Madrid, trionfa la destra anti-lokdown: battosta per la sinistra. Ora governo con appoggio dei sovranisti di Vox


Da Affari Italiani – Vince in modo schiacciante il Partito popolare (Pp) nelle elezioni regionali di Madrid, in Spagna, che permettono alla governatrice uscente Isabel Diaz Ayuso di guidare l’amministrazione da sola. Il Pp si è infatti aggiudicato 65 dei 136 seggi nel Parlamento regionale, come ha reso noto la Commissione elettorale con il 99,93 per cento dei voti scrutinati. E’ quasi il doppio dei risultati ottenuti dal partito nel 2019, quando si aggiudicò 30 seggi

Non necessaria, quindi, un’alleanza con Vox per governare. Il partito di estrema destra ha comunque già annunciato il suo appoggio esterno, senza chiedere l’ingresso nel governo regionale. ”E’ l’inizio della fine” del governo del premier Pedro Sanchez, ”un nuovo inizio”, ha commentato Ayuso, dicendo ai suoi elettori che ”oggi ha vinto la libertà”. I socialisti di Sanchez hanno perso 13 dei 37 seggi che avevano nel Parlamento della regione di Madrid, mentre tre partiti di sinistra hanno ottenuto solo 58 seggi in tutto impedendo loro di formare un governo.

Ora i Popolari puntano a prendersi anche la Moncloa

Ayuso ha impostato le elezioni come una dicotomia tra comunismo e libertà e ha rivendicato la sua aspirazione a governare da sola, senza Ciudadanos. Nel 2023, quando si terranno di nuovo le elezioni nella Comunità di Madrid, ci saranno solo due avversari nel centro-destra. Di fronte, United We can è costretto a ricomporsi dopo le dimissioni di Pablo Iglesias e Ayuso ha descritto il risultato del PSOE come “catastrofico”. Ayuso e Casado hanno celebrato la vittoria come una “mozione democratica di censura al sanchismo. Unendo il centro-destra e il costituzionalismo, si può battere Sanchez”, ha aggiunto il presidente del PP.

A questo punto, il leader del Pp Casado spera di essere catapultato a La Moncloa da Ayuso, grazie alla sua vittoria a Madrid. Lontane sono le elezioni catalane, dove il PP ha raccolto il suo peggior risultato della storia. La questione è se il modello Ayuso sia esportabile nell’intera Spagna. Il PP nega, tuttavia, che il successo di Ayuso sia solo un fenomeno di Madrid. Inoltre, la campagna ha mostrato differenze di discorso tra Ayuso, il protagonista assoluto, e Casado, che è rimasto sullo sfondo, una distonia che comunque entrambi gli attori negano. Tuttavia, la posizione di Ayuso, che ha detto che tra Cs e Vox non aveva favoriti, è una correzione alla svolta al centro data da Casado lo scorso autunno, quando ha rotto con Santiago Abascal, leader di Vox.

Leggi la notizia su Affari Italiani