Macron furioso, la destra fa approvare legge anti-velo: “Vietato anche alle mamme che portano i bimbi in gita”





Da Il Secolo D’Italia – Francia, la destra ha conseguito un ennesimo successo malgrado la presidenza Macron. Il Senato francese, dove c’è una maggioranza di destra, ha approvato alcuni importanti articoli di una legge. Il provvedimento intende vietare il velo islamico anche alle mamme che accompagnano i figli in gita scolastica. Voluto dal partito conservatore Les Republicains (Lr), il provvedimento non piace ovviamente al governo.

Per questo sarà probabilmente bocciato alla Camera. Subito i politicamente corretti suonano la grancassa mediatica. Ma la destra difende la sua scelta. Vogliamo “riaffermare i principi della laicità e della neutralità religiosa” nel sistema educativo e proteggere i bambini dal proselitismo. Lo ha dichiarato la senatrice Jacqueline Eustache-Brinio (Lr), difendendo la misura. Il provvedimento è stato approvato con ben 165 voti favorevoli e 120 contrari.

Francia, al governo non piace la legge approvata

Ma il ministro dell’Istruzione, Jean Michel Blanquer, naturalmente non è di questo avviso.Pur considerando il velo “indesiderabile”, ritiene che il provvedimento sarebbe controproducente. Pperché rischierebbe di “mandare un messaggio confuso alle famiglie”. Non si capisce perché, il messaggio sarebbe chiarissimo invece. La vicenda nasce dal caso di una madre musulmana che ha accompagnato la classe del figlio in visita ad un’assemblea regionale.

Qui la donna si è presentata col velo. In Francia insegnanti e allievi non possono indossare a scuola simboli religiosi, ma il divieto non riguarda i genitori. Il caso ha di nuovo infiammato il dibattito sul velo islamico. il voto avviene all’indomani dell’attacco di un anziano cittadino francese contro la moschea di Bayonne, in cui sono rimaste ferite due persone. L’anziano attentatore voleva vendiare l’incendio di Noter Dame, pensano fossero stati gli islamici.

Leggi la notizia su Il Secolo D’Italia

   Segui le nostre rassegne su Facebook e su Twitter